\\ Home Page : Articolo : Stampa
EURO o Lira?
Di Gennaro Aprea (del 29/09/2006 @ 16:24:30, in F) Questa č l'Italia, cliccato 702 volte)

EURO o Lira?
 
L’altro ieri ho visto in un telegiornale che in un supermarket in Toscana si usa ancora la Lira come mezzo di pagamento.
Devo dire francamente che la situazione in Italia (ma anche in Francia i prezzi sono ancora nelle due valute – non so in altri paesi europei) è a mio parere assurda.
Forse io sono un po’ deviato a causa della mia professione di consulente di management, perché fin dagli inizi degli anni 90 del secolo scorso ero abituato a usare l’ECU (European Currency Unit –unità valutaria europea) perché ho avuto molto a che fare con la Commissione Europea che pagava e contava solo in ECU; quindi, quando è arrivato l’Euro che era la logica conseguenza dell’ECU, mi sono trovato perfettamente a mio agio.
Ma per me è incomprensibile che si continui a parlare – e a pensare – in Lire quando ormai la nostra vita è regolata solo dalla nuova moneta.
Capisco che i nostri nonni, ed anche molti padri, possano avere qualche difficoltà, ma cosa c’entra la Lira con i giovanissimi di oggi (12-14 anni) e soprattutto con i bambini che sentono parlare di Lire senza nemmeno sapere di cosa si tratta dato che quando è entrato l’Euro quasi non utilizzavano le monete?
A mio parere la colpa di tutto è dovuta alle nostre disastrose televisioni e delle trasmissioni dove personaggi/presentatori/conduttori spesso bravissimi, come Bonolis e Amadeus, per non parlare di Pupo e di molti altri (che hanno molta presa sul pubblico), continuano a ricordare “la moneta del vecchio conio” o frasi simili. Non capisco perché è invalsa questa abitudine che è a mio parere diseducatrice e puzza molto di conservatorismo.
Lo hanno fatto forse per far capire meglio ai nonni il valore degli Euro? Ma questa è pura diseducazione. Se non l’avessero fatto, sicuramente gli ascoltatori avrebbero all’inizio fatto un rapido conto mentale per il paragone con la Lira, poi, man mano si sarebbero abituati rapidamente a pensare solo in Euro, come è giusto che sia, secondo il mio parere.
L’Europa si costruisce anche così