Omografi? Contatti
Il Blog di Gennaro Aprea: commenti sulle notizie, pensieri e idee dell'autore.

 

Questa è la pagina che si svilupperà di più divenendo simile ad un blog. E diventerà una serie di pagine e di articoli.

 

Scriverò di tutto su tutto, cose importanti e cose futili e banali, su alcuni punti mi attirerò gli improperi di molte persone che la pensano all’opposto di me; queste molte persone in alcuni casi, per esempio il calcio, sono la maggioranza degli italiani.

 

Le critiche saranno tutte ben gradite ma non vorrei che le discussioni divenissero uno scambio di parolacce, come purtroppo succede spesso in Italia, anche, e soprattutto ahimè, in televisione. Mi ritengo una persona civile quindi non intavolerò alcuno scambio di idee con quel tipo di persone che parlano male ed "ipocritamente in televisione le loro parole sono coperte da fischietti vari". Alcune volte una parolaccia ci può anche stare, ma non deve diventare un intercalare abituale ed essere usata con l’unico intento di offendere.

 

Sono un puritano e conservatore? Non mi considero tale nonostante quanto ho appena detto, anzi…...

 

Home Page - Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
\\ Home Page
 
Di Gennaro Aprea (del 25/11/2017 @ 18:07:22, in H) Rodano, cliccato 8 volte)
 
 
PRESO NELLA RETE
 
Sabato scorso ho finalmente rivisto gli "Scombinati" al lavoro. Si sono fatti aspettare, ma ne è valsa la pena. Li conosco bene tutti da molti anni, non solo perché siamo rodanesi - il paese è piccolo...ma buono - ma anche perché sono stato sempre un grande appassionato di teatro ed ho persino fatto l'attore (di secondo piano) con loro in una commedia che ebbe molto successo: "L'eredità dei Placidi".
 
Sono sempre stati più o meno bravi, alcune volte bravissimi, come un ottimo orologio che funziona ottimamente. Poi qualcosa si è rotto: alcune molle si sono dovute cambiare perché un po' stanche di funzionare; ed erano molle importanti:
- l'ottima regista e adattatrice della sceneggiatura dei testi originali
- un attore ottimo scenografo e tuttofare, anche come presidente
- una bella bambina divenuta grande che si è data alla danza
- un bravissimo musicista per i suoi commenti musicali e eccezionale rumorista
 
E non è stato facile trovare i ricambi; ma ci sono riusciti tutti, vecchie molle di acciaio al tungsteno, e nuove molle, in una nuova commedia molto difficile per una serie di ragioni che non sto qui a dirvi. Insomma sabato sera 18 scorso siamo andati a sentirli e ci siamo sbellicati dalle risate.
 
I nuovi ricambi sono stati tutti eccezionali, cominciando dal regista e dai nuovi giovani attori. Per non parlare dagli esperti personaggi, tutti di primo piano  Non mi sarei aspettato tanta bravura.
Se volete saperne perché sia difficile questa commedia ambientata a Londra e conoscere tutto di loro, andate a vederli. La prossima recita sarà nell'Auditorium di Settala alle ore 21 del 3 marzo 2018 e qualche giorno prima vi sarà la locandina su Facebook "Preso nella rete" (titolo della commedia) e/o "gli Scombinati di Rodano".
Segnatevi la data appena potete.
 
Il mio ultimo commento riguarda il giudizio finale. Da quando hanno iniziato a fare seriamente gli attori più di 17 anni fa sono stati sempre ospitati in piccoli palcoscenici di  teatri di provincia; i quali in alcuni casi hanno reso meno facili le loro "performance". Ebbene sono diventati talmente bravi che meriterebbero di esibirsi nei teatri milanesi dove di solito si può assistere anche commedie deludenti.
 
Gennaro Aprea
 
Di Gennaro Aprea (del 31/10/2017 @ 18:37:13, in Zero carbonio, cliccato 16 volte)
MA.... CHI CONOSCE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA?
 
Si parla abbastanza della raccolta differenziata che ha lo scopo principale di riutilizzare la quantità enorme di rifiuti che noi umani produciamo nella produzione totale derivante dall'agricoltura, industria, servizi. E soprattutto di far sì che la maggior parte possibile di questi rifiuti divengano "materie prime seconde", cioè nuova carta, nuova plastica, nuovi metalli, principalmente alluminio e acciaio, legno, concime biologico (il "compost" creato con i rifiuti organici) ecc.
Tutto ciò è un grande vantaggio per l'economia; ma non basta: la frazione non riciclabile finisce o nelle grandi discariche (consumo del suolo ed inquinamento, al quale si aggiunge quello del trasporto pesante alla discarica) oppure nei cosiddetti termovalorizzatori che sono un'altra grande fonte di inquinamento. Quindi, minore è la frazione non riciclabile, migliore è il risultato del processo della differenziazione.
Tutto ciò ha un importante impatto positivo sull'ambiente.
 
Però ho la forte impressione, direi la certezza, che, almeno in Italia, a partire dalla gente comune e salendo nei vari gradi culturali, fino ai massimi livelli dei nostri decisori economici e politici, quasi nessuno abbia le idee chiare. Ovviamente vi sono delle eccezioni positive, cioè gli esperti, quelli che operano nel settore e gli scienziati che studiano e creano le tecnologie e le procedure per ottenere gli scopi appena accennati.
Per non parlare per esempio delle tecniche per il riuso dei contenitori senza bisogno di riciclarli (es. bottiglie di vetro o di plastica da riempire più volte con disponibilità di prodotto sfuso da consumare senza pagare l'imballaggio).
 
Sulla raccolta differenziata si potrebbe scrivere un saggio decisamente voluminoso, ma oggi mi limiterò a dare solo qualche breve esempio e commento sulla situazione che riguarda gli imballaggi. Spero che ciò che scriverò non sia troppo "pesante" ma che comunque riesca ad essere un invito a pensare e a come questi processi potrebbero essere ottimizzati.
 
Io faccio parte della gente comune che acquista di tutto come tutti facciamo, ma sento di potermi classificare fra le eccezioni di quei consumatori che fanno del loro meglio per suddividere al massimo gli imballaggi che sono spesso grande parte dei prodotti contenuti. Avrete certamente notato che  alcune volte essi sono anche multipli e di valore intrinseco maggiore del contenuto, solo per attirare l'attenzione del potenziale compratore.
Per quanto mi riguarda, Ho fatto il calcolo che su un' ottima raccolta differenziata media superiore al 77% nel Comune dove vivo, Rodano, l' "indifferenziato" o "secco" della famiglia Aprea non supera mediamente il 2,5%..
 
Ecco tre piccolissimi esempi.
 
1) Dato che ho la fortuna di posseder un giardino, ho potuto creare un piccolo sito dove raccolgo e produco il "compost", cioè i rimasugli derivanti dagli scarti della preparazione e cottura dei cibi, nonché per esempio le foglie secche dell'autunno, fiori secchi, ecc., il tutto chiamato  '"umido" od "organico". E con il compost si può concimare la terra dell'orto (qualche volta lo regalo anche ai vicini) e quella dei vasi da fiori e cespugli vari. Alcuni amici hanno creato il compost in terrazzi e balconi per i loro vasi da fiori, o per far crescere gli odori, ecc. Il rifiuto organico, per chi non lo può (o non interessa) farlo, comunque diventa compost. Sarebbe opportuno che i Comuni facessero opera di formazione ai loro abitanti.
 
2) Da qualche tempo a questa parte i fabbricanti di prodotti da forno, pane, brioche, e simili, li hanno imballati in sacchetti di carta bellissima e piena di colori con finestre trasparenti di pellicole di polietilene, incollate alla parte cartacea del sacchetto; sulla finestra di plastica ci incollano anche l'etichetta del prezzo e delle caratteristiche del prodotto: Questo imballaggio cioè plastica e carta unite, non può essere riciclato tal quale. La stessa società che ritira la raccolta dei vari tipi di rifiuti, mi ha detto di metter il sacchetto nell'indifferenziata.
Noi della famiglia e con noi alcuni amici, con santa pazienza, dividiamo le due parti e, se qualche pezzettino è impossibile da dividere, allora solo questo va nel'indifferenziato.
Ci sono altri imballaggi analoghi, nel senso di misti indivisibili, cioè quelli dei contenitori delle pillole o pasticche dei medicinali, i cosiddetti blister, che sono all'interno delle scatole di cartoncino. Alcuni sono interamente di alluminio altri di alluminio e plastica, sono leggeri e prendono poco posto ma i secondi vanno nell'indifferenziata quando sono completamente vuoti di medicinale. Perché non farli solo in alluminio o solo in plastica?
Ministro dell'Ambiente e signori Parlamentari, datevi una mossa!
 
3) Abbiamo acquistato recentemente un'ottima parmigiana di melanzane surgelata; l'imballaggio è così composto: primo contenitore: 1 vassoietto di materiale non identificabile (carta? plastica ? misto?) sull'esterno di questo vassoio sono stampati la data ultima di sicurezza della validità e il lotto di produzione; perché non scriverci anche il tipo di materiale come fanno già moltissimi concorrenti?
Secondo contenitore: un involucro di cartoncino elegantissimo a 4 colori e la foto della parmigiana, dove sono stampate almeno un centinaio di indicazioni; non mi posso  sbagliare, andrà nella carta e cartoni, ma non c'è alcuna indicazione della qualità dell'imballaggio.
 
Forse le descrizioni che vi ho sciorinate sono state troppe e troppo dettagliate, ma ho voluto evitare interpretazioni errate; e spero di non essermi sbagliato.
 
Ed ora veniamo ai commenti.
 
I nostri parlamentari di qualsiasi partito o movimento, salvo le solite eccezioni (poche) non pensano a queste semplici cose nonostante le soluzioni di queste situazioni sarebbero facili da scrivere e approvare. Hanno emanato leggi e regolamenti per far conoscere bene ai consumatori tutto ciò che acquistano. Ottimo.
Ma che fatica si fa a obbligare i fabbricanti a aggiungere dettagliatamente le informazioni sulla qualità dell'imballaggio? bastano veramente poche parole per farlo. Vi sono alcuni produttori che già lo fanno spontaneamente e sono da premiare; alcuni scrivono solo di cosa è fatto l'imballaggio (per esempio PE -per polietilene) altri aggiungono anche ladestinazione, plastica, carte ecc. per la raccolta differenziata.
 
Per finire lancio una sfida ai nostri "decisori". Non pretendo che tutti siano culturalmente avanzati su questo argomento.
Mi piacerebbe però sapere da tutti quale percentuale di raccolta differenziata fanno le loro famiglie, ovviamente anche i single.
La prima persona dalla quale vorrei saperlo è il Ministro dell'Ambiente, del Territorio e del Mare, Dr. Gian Luca Galletti (già lo sapevate? lo avete mai visto in TV parlare di ambiente, clima, di problemi climatici, di ciò che si fa in Europa e nel mondo?). Guida questo ministero dal febbraio 2014 nel 1° governo Renzi. Prima ha fatto solo il Commercialista e, una volta entrato in politica, si è occupato solo di finanza e dintorni. E' uno dei ministri nominato per meriti soprattutto di bilancino partitico.
 
Bene, se avete voglia di parlarne sono a vostra disposizione.
 
Di Gennaro Aprea (del 01/10/2017 @ 13:19:18, in C) Commenti e varie, cliccato 28 volte)
MONTE FAITO



 
Non credo che tutti i miei lettori conoscano questo luogo, salvo naturalmente i napoletani e chi - non napoletano  o campano - ha deciso una volta per caso di andarci in cerca di aria buona e di relax.
 
1444 m s.l.m., è una montagna "sul mare" nella penisola sorrentina dalla quale si ha uno sguardo infinito sul golfo di Napoli, il Vesuvio, Capri, Ischia, Procida, e perfino la costiera amalfitana.
Quando ci sono andato - una sola volta tanti anni fa, ma il ricordo è indelebile - mi sono trovato in piena estate al fresco di boschi con alberi secolari di faggi, pini e abeti; e un'ottima ricezione turistica appena nascente. Oggi si può raggiungere questo paradiso in macchina, ma io consiglio di arrivarci con la funivia da Castellammare di Stabia.
Adesso starete pensando che Gennaro si sia messo a fare pubblicità ad un nuovo complesso alberghiero del Monte Faito, naturalmente ben remunerato.
Mi dispiace deludervi, non è così.
 
Le bellezze del Monte Faito che vi ho appena descritto non esistono più. A causa della siccità, di uno o più sconsiderati che hanno acceso un fuoco per un picnic, e forse anche di qualcuno che ha pensato di speculare sul terreno "liberato" dagli alberi, il 2 agosto (domenica) il Monte Faito è stato attaccato da numerosi fuochi che si sono propagati e trasformatisi in fortissimi incendi distruttivi. I boschi sono stati completamenti annientati e si è riusciti a fermarli completamente solo il 3 settembre!! Oggi è una montagna brulla e nera, piena di cenere. Gli ettari di bosco distrutti non sono stati ancora contati, ma sono migliaia.


 
I media ne hanno parlato poco, salvo i TG della Regione Campania che non tutti gli italiani possono seguire. Io stesso abbonato a Repubblica e all'Espresso e che seguo i vari TG, avevo solo sentito che i monti del Parco del Vesuvio e dei monti vicini erano stati attaccati a lungo dagli incendi.
 
Una mia cugina napoletana, Assessore del Comune di Vico Equense con delega al territorio di Monte Faito mi ha chiesto di interessarmi in qualche maniera. Ed eccomi qui a chiedervi di fare qualcosa per questa montagna ex bellissima affinché possa ritornare come era nel più breve tempo possibile. Pensate anche alle attività turistiche distrutte.
 
Lo chiedo a tutti i miei lettori, napoletani abitanti lontano dal Golfo, ma anche a quelli non napoletani che danno ogni tanto un'occhiata al blog. Ne hanno bisogno le persone della zona, nonostante i responsabili locali abbiano già fatto di tutto per poter ottenere gli aiuti necessari:
La Giunta di Vico E. ha deliberato ed ottenuto che la Regione Campania approvasse lo stato di calamità e che questo fosse dichiarato anche a livello nazionale. Sembra semplice, ma la famosa burocrazie italiana non perdona. La lunga trafila è necessaria per ottenere gli aiuti, anche sotto forma di personale, che vi esemplifico.
- il Genio Civile Campano per mettere in sicurezza i costoni investiti dal fuoco e a rischio
 frane
- bonifica del suolo
- rimozione massi
- eliminazione rischio idrogeologico
- rimboschimento in deroga
- detassazione attività esistenti
- incentivi nuove attività
 
Se volete darci una mano, firmate il seguente link di Avaaz: Grazie
 
Se volete anche saperne di più potete vedere la riunione del Consiglio Regionale e filmati dei risultati degli incendi, ecco il link:
 
 
Conto su di voi e vi ringrazio in anticipo per ciò che potrete fare, soprattutto passando l'indirizzo del blog ai vostri parenti, amici e conoscenti.
 
Di Gennaro Aprea (del 04/09/2017 @ 19:11:10, in L) Zero-carbonio, cliccato 37 volte)

AGRICOLTURA, ALLEVAMENTO E BIO-AGRICOLTURA


Ormai tutti lo sappiamo: da molti giorni  i media e i social web continuano ad informarci che questa estate le temperature massime hanno raggiunto punte eccezionali battendo tutti i record dagli ultimi 180 anni, compreso quelle del 2003, anche se alcuni dubitano, come spesso succede nella testa incredula di molti.

Certo è che non ci scorderemo facilmente i giorni nei quali i termometri hanno raggiunto e superato i 40° C con percezioni anche superiori dovute soprattutto all'umidità dell'aria.

 

Della siccità se ne è parlato un po' ma, dopo qualche temporale sui rilievi alpini ed appenninici sembra che le notizie sulla disponibilità di acqua sia migliorata; ormai vi sono poche notizie sui bassi livelli dei laghi e dei fiumi. Eppure molti di essi sono diventati quasi ruscelli. E l'acqua arrivata dal cielo sotto forma di temporali e tempeste di grandine non ha risolto la situazione provocando invece pesanti danni all'agricoltura nel senso che ha distrutto le coltivazioni di cereali, altri vegetali e alberi da frutta.

 

C'è una novità negativa riguardo alla siccità: non ve n'è solo nel meridione. In generale si pensa che sia superiore in quelle regioni e nelle grandi isole; invece quest'anno le piantagioni sono state pesantemente distrutte anche in Emilia-Romagna, nel Veneto e in Lombardia, proprio per mancanza di acqua per irrigare.

 

Tutti questi dati sono provvisori perché l'estate non è ancora finita: solo ad ottobre inoltrato si potranno ottenere quelli definitivi. E sarà importante conoscere il numero di giornate con punte di temperature superiori alle minime e massime rispetto agli anni precedenti.

 

L'agricoltura ed il suo sviluppo

Sappiamo che la popolazione mondiale è prevista aumentare a circa 9 miliardi verso il 2050 quindi è obbligatorio continuare ad alimentare il genere umano, soprattutto quello più povero sottoalimentato, compreso quello delle migrazioni milionarie in atto, e quello del continente africano che avrà il più alto tasso di sviluppo dei suoi abitanti..

Possiamo quindi renderci conto che la situazione fin qui descritta ha raggiunto punti assoluti di criticità che hanno un fortissimo impatto sulla produzione dei prodotti agricoli. Tuttavia è bene sottolineare che la maggior parte della nostra agricoltura, non solo in Italia ma anche a livello mondiale, è ormai da tempo molto estensiva, in particolare per la produzione di cereali destinati all'alimentazione umana e animale, produzioni che hanno bisogno di una grande quantità di acqua.

Un dato significativo è il seguente: per ottenere 1 tonnellata di carne bovina, sono necessarie 31,5 tonnellate di acqua, che comprendono quella necessaria alla produzione di cereali (in gran parte mais e colza) ed altri vegetali per l'alimentazione dei bovini da carne e da latte.

 

La soluzione principe sarebbe quella di diminuire drasticamente il consumo di carni, quindi di acqua, ma la realizzazione di questo metodo è al momento utopica. Infatti non si può pensare di limitare drasticamente la necessità di aumento del consumo di proteine nei paesi in via di sviluppo. Ancora più difficile è modificare le abitudini inveterate di alcuni popoli ricchi, come per esempio quelli della popolazione del Nord America, la maggioranza degli europei, Brasile e Argentina che esportano carni anche in grandi quantità, ecc.

Vi sono alcuni metodi adottati da pochi paesi intelligenti ed efficienti, fra i quali in primis Israele, Giappone ed Olanda.

Oltre alla desalinizzazione dell'acqua di mare, che dovremo realizzare anche in Italia in un futuro vicino, questi paesi meritevoli hanno applicato metodi di produzione utilizzando quantità di acqua decisamente inferiori rispetto a quelle usate ancora, specialmente per il mais e la colza, cioè gli irrigatori a getto a pressione, detti a pioggia. A seconda dei casi, le quantità di acqua necessarie alle coltivazioni sono decisamente inferiori con gli irrigatori-nebulizzatori e quelli a goccia, utilizzati di notte, già in uso anche in qualche paese del vicino oriente e in un paio di stati africani

Un ultimo metodo di risparmio di acqua è la ri-coltivazione di grani antichi ma sostanziosi e nutritivi con una resa leggermente inferiore.

Possiamo essere certi che la ricerca e sviluppo in agricoltura potrà dare risultati positivi. Il lato negativo è costituito dai grandi agricoltori sempre restii a sostituire i metodi di coltivazione più comuni con tecniche più avanzate.

 

La bio-agricoltura

In generale quando si parla di bio-agricoltura, il sentire comune si riferisce ai prodotti per l'alimentazione umana perché il loro processo produttivo non utilizza prodotti chimici, in particolare fertilizzanti e antiparassitari, ma usa concimi naturali  (stallatico e compost).

 

La cosa è meno semplice di quanto sembri. In effetti i principali obiettivi di base dell'agricoltura biologica così come sono stati definiti dalla Federazione internazionale dei movimenti per l'agricoltura biologica (International Federation of Organic Agricolture IFOAM) sono:

·         Trasformare il più possibile le aziende in un sistema agricolo autosufficiente attingendo alle risorse locali;

·         Salvaguardare il più possibile la fertilità naturale del terreno

·         Evitare ogni forma di inquinamento determinato da tecniche agricole

·         Produrre alimenti di elevata qualità nutritiva in quantità sufficiente

 

Ciò ha ovviamente un impatto anche sulla produzione di mangimi e foraggi per animali da carne (bovini, ovini, pollame, ecc.) e di conseguenza su quella del latte e dei suoi derivati.

Anche in questo caso l'agricoltura biologica prevede che il consumo di acqua sia il più basso possibile grazie alle tecniche di cui abbiamo appena accennato.

 

In breve l'agricoltura biologica e sostenibile comprende soprattutto i metodi produttivi, che includono - fra i tanti - il rinnovo continuo dell'humus del terreno.

 

In un esempio recente le tecniche di produzione di vegetali biologici ha unito la coltivazione di ortaggi vari alla creazione di energia elettrica da grandi centrali di pannelli fotovoltaici, necessaria quindi anche alla coltivazione stessa (es. pompe per l'irrigazione a goccia o a nebulizzazione). Le file dei pannelli sono state istallate in maniera tale da lasciare una certa distanza fra le stesse, tale da permettere il passaggio di minitrattori elettrici per coltivazioni le più varie.

Queste istallazioni sono nate su terreni di fabbriche industriali chiuse o su terreni incolti o abbandonati di coltivazioni intensive di cereali non più produttive soprattutto per mancanza di rotazioni colturali o altre situazioni particolari.

 

Un altro esempio viene dalla Danimarca: sulla scia delle iniziative nate in alcuni paesi americani (Mrs. Obama insegna)  ed europei. E' stato creato ad Aahrus da due architetti italiani con base a Londra un sistema decisamente innovativo. Essi hanno realizzato in piena città un grande ambiente pubblico costituito da un'estesa tettoia di design affascinante sotto la quale sono stati creati numerosi orti cittadini. L'acqua necessaria è quella piovana (il nord del paese è sufficientemente piovoso) e il terreno riportato viene concimato mediante "compost" che produce anche bio-carburante e micro-alghe. E' stata considerata "una stravaganza tecnologica per legare città e natura, sfida vitale per le prossime generazioni".

 

A proposito di agricoltura in città, da buon napoletano, non posso fare a meno di ricordare la vigna coltivata da sei secoli dai monaci della Certosa di San Martino (7 ettari) sulla collina del Vomero a Napoli. Dal 1999 si produce vino Aglianico e Falanghina. Divenuta "bene di interesse storico-artistico", da un paio d'anni hanno iniziato la coltivazione di bio-orti dove il terreno è coperto con paglia per proteggerlo, concimarlo e conservarne l'umidità dell'irrigazione a basso consumo d'acqua.

In questi anni i consumatori si sono molto interessati  ai prodotti biologici soprattutto a causa di alcuni scandali alimentari della fine del secolo scorso ma sono tuttora un mercato limitato; ciò è dovuto ai prezzi al pubblico più alti rispetto ai corrispettivi prodotti convenzionali in Italia.  Il nostro paese è comunque uno dei paesi leader della produzione biologica (6,9% della superficie agricola perché non si tratta mai di agricoltura intensiva su grandi superfici) ed dell'esportazione verso l'Europa.                                                                                           Lo sviluppo  del mercato dei prodotti biologici in Italia è stato posteriore a quelli della Svizzera, Francia e Germania ma negli ultimi anni si registrano aumenti del 15-20% anno,

Oltre alle considerazioni di tenore ambientale, altri motivi che hanno spinto l'adozione di questo tipo di pratica agricola: in generale sono state quelle di interessi imprenditoriali (i consumatori sono disposti a pagare di più per i prodotti biologici) o legate alla disponibilità di finanziamenti dell'Unione europea per l'adozione di pratiche agricole eco-compatibili.

L'agricoltura biologica, soprattutto se vista come modello di sviluppo globale, è stata al centro di dibattiti e critiche anche da parte di scienziati (foraggiati da grandi aziende agricole?). In particolare sono due le principali obiezioni sollevate: la sua non sostenibilità su larga scala e la scarsa scientificità di talune sue pratiche legate all'assioma naturale=buono.

 
Di Gennaro Aprea (del 19/06/2017 @ 18:26:16, in A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc., cliccato 66 volte)
L'INDUSTRIA EDILIZIA VA MALE ?


 
Oggi, sul notiziario economico e finanziario del telegiornale di RAI 3 il giornalista/speaker ha riconfermato che l'economia produttiva sta andando (abbastanza) bene, ma l'unico settore che è in regressione è l'industria edilizia delle nuove costruzioni, che ha perso, su base annua, il 4,6%.
Il tono era tale da voler dimostrare la negatività di quella statistica. Per me invece è una buona notizia perché significa che il consumo del suolo è diminuito.
 
Non vi era alcuna cifra che riguarda le ristrutturazioni che invece sono altrettanto importanti. Ormai gli economisti hanno capito che la sostenibilità di qualsiasi processo produttivo deve tener conto della cosiddetta "impronta ecologica".
 
In questo caso solo le imprese edilizie conservative - e sono ancora la maggioranza - pensano che il futuro delle loro imprese sta nel nuovo, pur avendo per fortuna accettato le costruzioni che necessitano di limitata energia per essere vissute. Ciò anche alla buona concorrenza.
Comunque nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni mancano ancora le i progetti e le realizzazioni delle strutture per il minor consumo di acqua, quelle di recupero dell'acqua piovana ed il recupero e l'uso delle acque di scarico (lavabi, bagni, docce, lavelli, lavatrici e lavastoviglie) per la pulizia dei servizi igienici.
 
Ci sono centinaia di milioni di edifici nel mondo (e decine di milioni in Italia) che possono e devono essere ristrutturati per portarli a consumi "quasi zero". La tecnologia ha fatto passi da gigante, quindi i costi son più che accettabili. E' anche vero che in alcuni casi particolari le realtà e le situazioni non permettono la ristrutturazione a costi competitivi. La soluzione è trovare spazi abbandonati (es. industrie ferme da tempo) disinquinare il terreno ove necessario, costruire il nuovo senza aumentare suolo occupato e volumi, trasferirne gli abitanti (ottimizzare i servizi che spesso mancano). Poi demolire i vecchi edifici e creare verde sulla stessa area, possibilmente aumentandone la superficie..
 
Nel piccolo Comune dove abito da tempo, sono state ristrutturate due cascine abbandonate e un terza è sulla stessa strada, tutte ristrutturate con gli stessi criteri. Ve ne sono ancora molte, non solo in questa zona da riutilizzare, anche per altri scopi sociali, come hanno fatto a Milano città.
 
Ma andando verso il sud non vi sono numerose valide iniziative di questo genere, soprattutto, dico io, per mancanza di impulsi imprenditoriali a progetti simili; soprattutto mancano  appoggi di tutti i generi da parte di chi ci governa a livello centrale, regionale e locale.
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 18 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (30)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (124)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (100)
G) Ricette (8)
H) Rodano (39)
I) Sport e Calcio (13)
L) Zero-carbonio (77)
M) Satira e Umorismo (52)
Zero carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< dicembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600