\\ Home Page : Articolo : Stampa
CONSIDERAZIONI DI UN POVERO POLITICO
Di Gennaro Aprea (del 25/01/2010 @ 16:37:03, in C) Commenti e varie, cliccato 536 volte)
CONSIDERAZIONI DI UN POVERO POLITICO
 
I giornali di oggi parlano, riparlano e straparlano della vittoria di Niki Vendola alle Primarie in Puglia: recriminazioni, accuse, prese in giro, tristezze, soddisfazioni per le sconfitte; ce n’è per tutti.
Come mi sono prefisso da quando ho iniziato a scrivere su questo sito, cioè di provare a dire “ciò che altri non dicono”, di solito non mi permetto di entrare in argomenti dibattuti allo spasimo, ma questa volta vorrei dire quale è il mio parere su quanto si è svolto fin da quando è iniziata la preparazione delle candidature per le Elezioni Regionali, ad oggi. La ragione è che mi sembra che tutte queste discussioni non chiariscano la situazione e che si faccia troppa speculazione giornalistica da tutte le parti. Ecco il mio contributo...alla ulteriore confusione..
1)     Contrariamente a quanto ha scritto un giornalista - di cui non sono sicuro di ricordare bene il nome, Bono? – sull’Unità di oggi, il quale ha criticato il sistema delle primarie, io ritengo che esse, pur essendo imperfette così come sono ora regolate, siano un’ottima espressione di democrazia
2)     Molti criticano il PD di Roma (D’Alema, Bersani e molti altri) perché appoggiava Francesco Boccia anche in vista dell’appoggio dell’UDC che aveva da sempre dichiarato di non voler votare il Presidente della Puglia uscente perché della Sinistra Arcobaleno. Io ritengo che, seppur a malincuore, hanno fissato le primarie e affermato, prima di conoscere i risultati, che il PD avrebbe comunque appoggiato il vincitore, cosa che hanno confermato ieri sera, appena hanno saputo della vittoria di Vendola. Pensate un po’ se non avessero stabilito di fare le primarie e avesse vinto, come ha vinto, Vendola. Cosa sarebbe successo? Veramente il PD ci avrebbe fatto una figura di merda (quanno ce vo’, ce vo’). Certamente questo “genere” di figura l’ha fatta D’Alema, il pugliese di ferro,,,soprattutto per via dei suoi baffetti, che è quello che ha voluto più di tutti e fortissimamente Francesco Boccia. Max: è proprio ora che te ne vai in pensione!
3)     Bersani ha detto: “serata amara”. E chi non l’ha detto fra quelli hanno appoggiato Boccia? Alle Primarie di Ottobre 2009 vinte da Bersani, per Veltroni, Fassino e tutti i più importanti dirigenti del PD che avevano appoggiato Marino oppure Franceschini, non è stata forse una serata amara? Mi sembra più che umano che abbiano avuto questa reazione
4)     Perché è stato votato Vendola in così alta percentuale? Anche se i votanti erano in maggioranza quelli del centro-sinistra e pochi del PDL e dintorni, gli stessi che lo avevano votato alle precedenti elezioni regionali, evidentemente erano convinti che Vendola sia stato un buon Amministratore; che le sue azioni, compresa quella di buttar fuori i corrotti dalla Giunta, siano state giuste e nell’interesse della Regione Puglia…ed anche che ne avevano fin sopra i capelli di D’Alema. 200.000 votanti costituiscono un campione statistico eccezionale, quindi non ci sono dubbi che i pugliesi se ne fregano di “Pierferdi” Casini e dei suoi giochetti, e che alla fine vogliono Vendola, la sua sinistra che con il PD può vincere le Regionali.