\\ Home Page : Articolo : Stampa
Fiori freschi
Di Gennaro Aprea (del 05/09/2007 @ 15:08:40, in C) Commenti e varie, cliccato 771 volte)
“BLUMEN SELBST SCHNEIDEN” – E’ UNA QUESTIONE DI CIVILTA’
 
Mi auguro che tutti i lettori abbiano fatto delle ottime vacanze. Anche mia moglie ed io le abbiamo fatte e ci sia o rilassati due settimane al mare ed una settimana da turisti in Germania dove siamo andati a visitare una coppia di vecchi amici che non vedevamo da qualche anno.
Siamo andati in vari posti nell’alta Baviera (la Franconia) dove si trovano città e villaggi bellissimi incastonati in una natura piena di boschi, vallate e fiumi. Gli ultimi tre giorni li abbiamo passati a Berlino che non conoscevamo e che è una metropoli affascinante….In generale bisogna dire che i tedeschi hanno ricostruito e costruito nuove cose egregiamente nel loro paese distrutto dalla guerra.
Non vi do altri dettagli personali ma vi devo una spiegazione sul titolo in tedesco.
Per chi non conosce la lingua, significa più o meno “self service per il taglio dei fiori”
Di queste cose se ne vedono molte in campagna, nei pressi dei villaggi e delle città e vi spiego di cosa si tratta per chi non le ha mai avuto modo di vederle, come per esempio gli uomini di affari che vanno spesso in Germania a Francoforte, a Berlino o in altre città, e che vedono solo taxi, aerei, hotel, uffici, ristoranti, e poi taxi, aerei e basta.
Allora si incontrano questi campi coltivati a fiori dove ci sono i cartelli che voi vedete con l’indicazione dei prezzi dei fiori di quel periodo dell’anno (gladioli, dalie e girasoli in questo caso); sotto il cartello c’è una specie di lungo salvadanaio con la feritoia per le monete, ben indicata dalla freccia rossa.
La gente va, si taglia i fiori che desidera, paga e se ne va contenta di avere dei fiori freschissimi. Nella foto si vede mia moglie.
Naturalmente non vi è alcun controllo, ma in più non c’è nessuno che non paghi alcuno che rubi il denaro o il coltello a disposizione.
Il mio commento è quello del titolo: “è una questione di civiltà”. Speriamo che l’Europa entri in Italia al più presto possibile! E’ non è una questione di extra-comunitari visto che la Germania ne ha il numero maggiore fra gli Stati europei.