Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 31/07/2016 @ 16:31:01, in A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc., cliccato 480 volte)
SP14 MILANO CITTA' METROPOLITANA e BREBEMI

Ogni anno i media danno notizie sulla BREBEMI (Brescia-Bergamo,Milano), cioè sulla nuova autostrada inaugurata 2 anni fa. Per gli italiani del Centro-Sud ed i turisti è un'illustre - si fa per dire - sconosciuta. Ma forse è interessante leggere queste notiziole.
L'idea di costruirla è stata di un'impresa privata che ha messo un po' di capitali presi a prestito da importanti banche ed ha convinto alcuni Comuni interessati di aggiungere una parte del finanziamento (in totale più di 2 miliardi di Euro). Ho sentito una recente dichiarazione del CEO in difesa delle accuse per le perdite di bilancio dell'attività, il quale ha semplicemente sottolineato che dal primo anno al secondo vi è stato un aumento del traffico di più del 45%.
Il progetto prevedeva un traffico di 60.000 veicoli l'anno che invece ora sono soli 15.000. Ciò significa una perdita importante per la società. Le ragioni? Sono più di una, ma la prima è che gli imprenditori promotori, a mio parere, non sono stati ed hanno continuato a essere poco capaci nel loro mestiere.
Quando nel luglio del 2014 la A35 (così è stata numerata) fu aperta al traffico, non vi era collegamento diretto con la TEE (Tangenziale Est Esterna) che avrebbe permesso al traffico dall'A1 (A. del Sole) di accedere alla A35 e viceversa (completata solo 10 mesi fa); né vi erano i necessari collegamenti diretti fra la Brebemi e l'A4 (Torino, Bergamo, Brescia, Venezia, Trieste) a Brescia e a Bergamo. Il primo è attivo da pochi mesi mentre quello con Bergamo è di là da venire. Dico io: come si fa a non collegare immediatamente un'autostrada con le altre? Il progetto non lo prevedeva: male. Il pedaggio inoltre non è in concorrenza con quello dell'A4 anche se fa risparmiare alcuni kilometri.
In breve scarsa imprenditorialità. Ma veniamo ora la primo titolo, la SP14 che dimostra una volta di più questa mie ultime affermazioni.
Questa Strada Provinciale esiste da decenni; si chiama anche Rivoltana perché da Milano porta a Rivolta d'Adda. Insieme alla Cassanese, quasi parallela un po' più a nord, esse sono state scelte dagli ideatori della Brebemi per collegare Milano alla Tangenziale Esterna e da lì alla Brebemi. Le hanno quindi modificate in parte (erano normali strade a una corsia per verso di marcia con velocità massima 90 kmh) I miei concittadini e lo scrivente la conoscono bene perché la usiamo da sempre per andare e tornare a/da Milano; così vale anche per altri Comuni che sono toccati dalla Rivoltana.
L'hanno fatta diventare un "superstrada" per un decina di km, poi si sposta abbandonando la vecchia Rivoltana per raggiungere la TEE mentre la vecchia continua come era prima. Ed ecco le mie considerazioni sulla segnaletica e i segnali vari.
1) uscendo da Milano la superstrada comincia al km 2 (dove c'è il Lunapark) ed inizia con un leggera curva con 7 (dico sette) segnali inframmezzati da un albero (d'inverno per fortuna è senza fogliame) in un tratto di 50 m. Un automobilista di qualsiasi tipo di veicolo per poterli leggere tutti non dovrebbe avere una velocità superiore passo d'uomo, specialmente l'ultimo cartello, altissimo, che indica i nomi delle prime sei uscite indicate da i seguenti numeri:1a (che potrebbe leggersi "prima"), 1, 2, 3, 4, 5. Se non sbaglio, nella sequenza dei numeri civici "1" si colloca prima di "1a". No comment
2) Velocità massima 70 kmh per circa 4 km: prima era 90 sulla vecchia strada e lo è tuttora quando la Rivoltana ritorna ad essere la vecchia SP a due corsie totali. Dopo questi 4 km la velocità permessa è di 110 kmh. Vorrei una spiegazione dagli imprenditori della Brebemi. Da notare che nessun veicolo mantiene il limite di velocità a 70 ma vi è un controllo fotografico al km 6.5, quando si può già viaggiare a 110: perché non prima? Commento un po' faceto: se vi fossero dei controlli dei vari Comuni che sono attraversati dalla "nuova Rivoltana" essi potrebbero risolvere tutti i loro gravi problemi finanziari. Oppure sarebbe logico permettere i 110 all'ora fin dall'inizio, comunque con controlli frequenti?
3) Al km 5,5 vi è l'uscita per Pioltello-Limito (e per Rodano dove risiedo). Tre preavvisi che non hanno indicato Rodano (non vi dico le ragioni altrimenti mi arrabbio troppo). Dopo più di 1 anno di proteste i Rodanesi hanno ottenuto che solo uno dei tre preavvisi includa Rodano!! (ogni volta che qualche amico intende farmi visita gli raccomando di uscire al Pioltello-Limito; se non l'ho fatto si sono persi)
4) Dallo stesso svincolo Pioltello-Limito-Rodano per andare verso Milano, cioè al km 5,5, la distanza indicata è 4 km.
5) Sulle autostrade e superstrade le corsie di decelerazione sono regolate dal Codice della Strada come segue: "...è buona norma di comportamento imboccare la corsia di decelerazione a velocità non elevata, ma sufficientemente alta da sfruttare appieno la sua lunghezza per ridurre la velocità, senza disturbare i veicoli che seguono...". Ebbene su questa nuova superstrada tutte le corsie di decelerazione, anche se rettilinee, sono indicate immediatamente per 40 kmh. Per esempio nell'uscita di Piotello-Rodano si passa dai 110 kmh a 40 all'improvviso sulla corsia di decelerazione diritta per 800 m, cosa che contrasta con la regola appena menzionata. 40 kmh sono giustissimi quando il complesso delle corsie di uscita dalla super-autostrada è fatto a "quadrifoglio" ed è necessario comunque decelerare rapidamente perché il raggio di curva è corto. Da noi, se si passasse comunque da 110 a 40 di colpo si rischierebbe di provocare molti pericolosi tamponamenti. Simili attenzioni dovrebbero essere regolate per le corsie di accelerazione nell'immissione nella superstrada. Perché non indicare all'imizio della decelerazione 80 kmh e alla fine, quando si avvicina la rotatoria dalla quale partono le strade per i vari Comuni della zona, un secondo cartello a 40, o addirittura a 30 kmh?
6) Vi sono alcune strade di "avvicinamento" alla Rivoltana o di uscita dalla stessa (anche abbastanza lontane dallo svincolo e alcune classificate Strade Provinciali) diritte e senza ostacoli, incroci, edifici, ove il limite di velocità indicato è 40 o addirittura 30 kmh. La cosa più buffa è che dai 30 all'ora di una di queste, a partire dal cartello di ingresso nel Comune di Rodano sulla stessa strada, la velocità permessa è ovviamente di 50 kmh. Altra richiesta di spiegazioni da parte degli imprenditori.
Tutto ciò che precede può essere interessante anche per gli automobilisti che non utilizzano queste strade e superstrade. Il fatto è che in Italia i limiti di velocità sono volutamente approssimativi, quindi sbagliati, sempre esageratamente per difetto, cosicché quasi nessuno ne tiene conto. E nessuno ha pensato di fare contravvenzioni.
Ciò serve comunque a dimostrare che alcuni imprenditori italiani che si credono padreterno sono invece dei grandi impreparati e incompetenti. E chi dovrebbe correggere questi errori spesso è allo stesso livello di preparazione.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 25/07/2016 @ 15:55:21, in F) Questa è l'Italia, cliccato 420 volte)
SANITA' IN LOMBARDIA 2 - FINE AVVENTURA OSPEDALIERA (continuazione dell'articolo precedente)
30 giugno. Il paziente, dopo l'invito del dermatologo A a "vederci in settembre/ottobre, va alle prenotazioni e la disponibilità è per marzo 2017. Torna all'ambulatorio e l'infermiera dice che il dermatologo A è andato in vacanza e non ci sono altri dermatologi. Aggiunge che il paziente può provare a chiamare il numero centrale della Sanità Lombarda per ottenere l'appuntamento in altra struttura ospedaliera. Detto, fatto.
Addetto al call centre gentilissimo e collaborativo, dopo il racconto dell'avventura ospedaliera del paziente. Appuntamento ottenuto per la settimana successiva all'Ospedale di Sesto San Giovanni.
Lunedì 11 luglio ore 11.40 - il paziente arriva in anticipo ed è ricevuto alle 11.55. Il dermatologo B (di una certa età) legge il risultato della biopsia ed esclama dopo un gran risata: che esagerati! tanti paroloni per niente di speciale; sarebbe stato meglio operare in una stagione più fresca, comunque non c'è problema". In 5 minuti fa la crioterapia su tutta la regione frontale senza che il paziente avverta il minimo dolore. e si raccomanda di non prendere sole finché le "bruciature" non siano guarite.
Dopo meno di una settimana il paziente nota che tutti i segni sono spariti senza l'uso della  pomata disinfettante prescritta dal dermatologo B - e non acquistata - in caso di necessità.
Così è finita l'avventura ospedaliera di più di 12 mesi per una "cazzatella" che poteva essere risolta in 30-40 giorni. Quanto è costata alle strutture della Sanità lombarda? Fate voi il calcolo. Il ticket per la crioterapia pagato dal paziente è stato di Euro 11,65. No comment ! Tutti gli altri ticket pagati ai vari chirurghi che certamente non coprono i costi delle loro azioni, non dico che siano stati inutili, ma certamente in questo caso si sarebbero potute evitare anche in termini di tempo.
Lasciatemi dire: Viva l'Italia degli incompetenti e degli spreconi. "E io paago!" diceva Totò.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 02/07/2016 @ 19:19:52, in F) Questa è l'Italia, cliccato 413 volte)
LA SANITA' IN LOMBARDIA....COSE DA PAZZI
C'è un comune sentire in tutta Italia che la Sanità lombarda sia la migliore; che molti italiani, specialmente del Sud, vengano in questa Regione per avere un'assistenza migliore.
Io vivo in Lombardia da numerosi decenni, salvo alcune interruzioni di vita e lavoro all'estero che mi hanno permesso di apprezzarne le differenze. Con l'andar del tempo e l'avanzare dell'età ho dovuto utilizzare il SSN con maggiore frequenza, soprattutto per controlli periodici e qualche acciacco anche importante.
20 anni fa, quando si prenotava una visita specialistica, si attendeva non più di 20 giorni, mai più di 1 mese, contro 1 o 2 giorni per le visite private. Gradualmente le attese si sono allungate in maniera inverosimile. Oggi è spesso normale attendere oltre 6 mesi. Ritengo che ciò dipenda dalla politica regionale che ha favorito la sanità privata togliendo i finanziamenti (medici e denaro) a quella pubblica. Talché numerose persone pagano le visite ai prezzi di una visita privata per poter essere curati in tempi ragionevoli. Queste persone sono la grande minoranza perché la maggior parte degli italiani non hanno il denaro necessario e rinuncia con grossi pericoli per la salute. Non basta: con il passare degli anni il costo dei "ticket" è aumentato considerevolmente così che molti pazienti potenziali abbandonano e non diventeranno più pazienti reali. Tutti sanno che "più o meno" i poveri non si possono più curare.
Per non parlare della corruzione diffusa in molte strutture della Regione. E della magnifica idea del Presidente della Regione che, per risolvere la situazione, crea un'agenzia anticorruzione della Regione: il corrotto che viene indagato da se stesso....
Di solito evito di parlare di me, ma questa volta non ho potuto perdere l'occasione di parlare di questa Sanità lombarda perché, nella tristezza di quanto ho descritto finora, ho trovato un'occasione talmente assurda che per evitare di piangerci sopra e rovinarsi il fegato, ho scoperto il lato umoristico e divertente. Sono certo potrete farvi una risata dopo aver letto la "Cronaca di un paziente" totalmente incredibile . Preparatevi a leggere una cronaca lunga quasi un anno, finora.
Devo premettere che il paziente, quando era molto giovane, passava tutta l'estate al mare diventando nero come un "tizzo". Allora non vi erano creme per la protezione dai raggi solari né si stava sotto l'ombrellone: ci si prendeva un paio di belle scottate all'inizio, ci spalmavamo un po' d'olio di noce per alleviare il dolore, si perdeva un po' di pelle e via così. Il risultato è che il paziente di questa cronaca è pieno di nei dappertutto e ha preso l'abitudine di farsi controllare ogni anno da un dermatologo prima dell'estate. All'inizio ci si prenotava con un'attesa di 15-20 giorni; ora l'attesa è di più mesi, come ho appena descritto in precedenza.
Febbraio 2015- il paziente chiama per la prenotazione l'Ospedale Maggiore Policlinico                 come ha sempre fatto in passato. Risposta: non prima di metà settembre (nel 2014 era stata luglio). Decide quindi di provare un altro ospedale: questa volta è il "Niguarda - Ca' granda"; ci va personalmente; la risposta è: 31 luglio. Il paziente accetta e fissa l'appuntamento. Si rende però conto che per raggiungere questo ospedale il tragitto in auto va da 75 a 90 minuti, che poi ha sostituito con una buona parte con mezzi pubblici senza diminuire i tempi.
31 luglio 2015 - Paziente visitato da Medico Dermatologo A. Riassunto della visita: controllo clinico nevi (nei) con epiluminiscenza; descrizione diagnosi incomprensibile al paziente ma il punto importante è la "discheratosi frontale". "si consiglia: Solaraze gel la sera per 3-4 mesi. Crioterapia ambulatoriale da programmare. Meglio prenotare subito; poi controllo fra 1 anno." Ilpaziente prenota e paga la crioterapia ed il controllo annuale agli sportelli: disponibilità: 15 aprile 2016 !
15 aprile 2016 - il paziente fa la terapia con il gel per tutto il tempo; sipresenta all'orario convenuto (ore 10.30) per la crioterapia. Il Dermatologo Aguarda e sentenzia: "troppo tardi, dovevamo fare la crioterapia molto prima"; chiede per iscritto immediata "visita chirurgica pre-operatoria per asportazione sospetto epitelioma della regione frontale". Il paziente si presenta al Chirurgo B (che dà un'occhiata e compila l'impegnativa); poi va alle prenotazioni. Disponibilità: 28 giugno 2016. Il paziente, forte della precedente esperienza, ritorna dal Chirurgo Bper il dubbio sul ritardo, che gli dà ragione e scrive "urgente" sull'impegnativa da lui compilata precedentemente. Il paziente ritorna agli sportelli ed ottiene l'appuntamento per l'operazione al 31 maggio. Da notare. il paziente esce alle 15.40: + di 5 ore senza aver fatto niente.
31 maggio - il paziente si presenta all'orario convenuto (vi sono sempre delle attese fra questo e l'effettiva entrata in ambulatorio). E' ricevuto dal Chirurgo C; che dà un'occhiata alla fronte e dice: "non si può fare oggi in ambulatorio, l'epitelioma è troppo esteso; se la operassi oggi rischierebbe una seconda operazione di chirurgia plastica per la ricostruzione della zona frontale. Adesso le faccio solo un prelievo di tessuto per l'esame istologico-biopsia". Detto, fatto. Il paziente esce con un cerottone che copre mezza fronte (da non bagnare, gli raccomandano). Il risultato dell'esame istologico sarà disponibile il 5 luglio !!
6 giugno 2016 - Il paziente torna per la medicazione; non riesce nemmeno a vedere bene il Chirurgo D; tutto bene, con il vantaggio che è sparito il cerottone sostituito da un cerottino che resiste all'acqua.
13 giugno - Il paziente incontra il Chirurgo B che per caso è lo stesso che aveva ordinato l'operazione di asportazione (poi non effettuata dal Chirurgo C); gli toglie i punti e rimette un altro cerottino che durerà ancora qualche giorno. Chiede al paziente quando sarà disponibile il risultato dell'esame istologico ed aggiunge: "non conosco i miei turni di luglio; provi comunque prima del 5 luglio, spesso capita che sia pronto in anticipo; io sarò qui il 21 giugno e la vedrò"
20 giugno - il paziente telefona all'ospedale per sapere se è pronto il referto: niente da fare, quindi salta l'appuntamento col Chirurgo B. Qualche giorno dopo ritelefona all'ospedale: il referto è pronto. Telefona ancora per conoscere se e quando il Chirurgo Bè disponibile; l'addetta all'ambulatorio: "non è possibile; venga quando vuole e troverà sicuramente un chirurgo che l'assisterà.
30 giugno - ritiro del referto: il paziente si mette le mani nei capelli perché non capisce cosa significhi la lunga diagnosi piena di parole incomprensibili, e teme per il peggio: Va all'ambulatorio ed incontra, sempre per caso, il Chirurgo Cche afferma:  (perplessità del paziente); vada dal dermatologo che deciderà il da farsi, così sarà risolta la situazione"
Il paziente si precipita nell'ambulatorio del dermatologi. dopo un'attesa ragionevole incontra il Dermatologo A che - guarda caso - è quello del 31 luglio 2015: Legge il referto, dà un'occhiata alla fronte e dice: "Bene, facciamo la crioterapia (quella stessa che mi aveva ordinato l'anno scorso); Non si può fare in estate, quindi ci vediamo in settembre-ottobre". Fine provvisoria della cronaca.
Ammesso - e per il momento non concesso - che ora andrà tutto liscio (nuova impegnativa dal medico di base, prenotazione, ecc,) sono passati finora 11 mesi dalla decisione di fare una crioterapia per - alla fine - decidere di fare la crioterapia. Tutto mi sembra decisamente assurdo per una Sanità Regionale.
Da buon vecchio consulente che preparava progetti per i clienti, mi vengono in mente le cosiddette "parole chiave" del risultato provvisorio. Eccole:
PROGETTO, ORGANIZZAZIONE, TEMPI DI REALIZZAZIONE, DECISORI, PROFESIONALITA', COLLABORATORI (infermieri e addetti agli sportelli), AZIONI, COMUNICAZIONE FRA DECISORI, SPRECHI, DILATAZIONE COSTI, ERRORI DI SBAGLI (questa me la sono inventata io)
Come andrà a finire? riuscirà il paziente a ottenere un soluzione di questa "avventura ospedaliera"?...Incrocio le dita.
Non so se avrete avuto la pazienza di leggere tutto, Se si e vi ho strappato una risata, siete stati dei coraggiosi e altamente pazienti, come il paziente della cronaca.
Chissà se qualcuno di voi conosce l'Assessore Lombardo alla Sanità. Potrebbe imparare qualcosa.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 497 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (31)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (129)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (104)
G) Ricette (8)
H) Rodano (41)
I) Sport e Calcio (14)
L) Zero-carbonio (90)
M) Satira e Umorismo (56)
Zero-carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600