Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 09/08/2016 @ 18:05:03, in C) Commenti e varie, cliccato 537 volte)
GREEN OLIMPIC GAMES 2016

Non ho atteso l'ora tarda di venerdì 5 agosto per seguire l'inaugurazione delle Olimpiadi di Rio de Janeiro (città che conosco molto bene per averci vissuto in uno dei migliori periodi della mia vita) perché sapevo che non sarei riuscito a seguirla tutta la notte fino alla fine. Per fortuna RAI 2 la mattina successiva ha ripetuto interamente il lungo spettacolo che è stato straordinario e a mio parere migliore di quello di Londra, nonostante l'inventiva dei suoi organizzatori di 4 anni fa. Tutto ciò si è svolto nel famoso stadio di Maracanà. Un grazie particolare anche ai bravissimi organizzatori italiani!
Ho volutamente atteso qualche giorno dopo quel sabato mattina prima di scrivere questo breve "reminder". Volevo vedere se i tutti media in generale avrebbero continuato a parlare della inaugurazione di queste Olimpiadi. Che hanno avuto una caratteristica speciale: stampa e TV non l'hanno fatto come sarebbe stato necessario: per questo ne "riparlo" io nel mio piccolo, affinché qualche mio affezionato lettore possa ricordarlo meglio e trasferirlo anche ai suoi amici.
Per la prima volta fra tutte queste grandi manifestazioni dello sport dell'era moderna si è parlato dei problemi ambientali. In maniera ottimale. Nell'ambito del racconto della storia del Brasile, quasi metà del tempo dedicato alla grande coreografia della serata di inaugurazione è stata messa in luce (anche con minor uso di energie inquinanti) la necessità della riforestazione a livello mondiale. Tutti sappiamo che essa fa aumentare l'assorbimento dei gas "effetto serra": anidride carbonica, CO2, ed altri altrettanto dannosi, che a loro volta provocano il riscaldamento terrestre con tutte le terribili conseguenze sul clima che conosciamo. Alle quali ahimè ci stiamo abituando come se fossero una cosa normale.
Lo ha fatto il Brasile che è stato campione nella distruzione delle sue foreste equatoriali. I loro ultimi governi hanno capito l'errore e deciso di tornare indietro per ri-forestare, ricostruendo così anche il territorio distrutto e tolto agli aborigeni e alla fauna delle sue foreste.
Dal bambino che trova nel deserto una piantina che cresce durante il cammino e si trasforma in albero che si moltiplica all'infinito, al gioco di luci e di elastici luminosi, alle nuove foreste...ed infine ogni gruppo di atleti di ciascun paese che sfilava guidato da un triciclo pieno di fiori e piante, con alla testa un bambino/a con un piantina in mano. Per non parlare dei semi (veri) che ogni atleta ha depositato in tanti grandi contenitori fatti di specchi i quali alla fine si sono trasformati in alberi.
Tutto ciò è stato molto emozionante e dobbiamo tutti ricordarlo giorno per giorno per abituarci a pensare ed agire sempre più "verde".
Se non avete visto questo spettacolo acquistate il DVD che sicuramente è o sarà disponibile a breve.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 31/07/2016 @ 16:31:01, in A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc., cliccato 707 volte)
SP14 MILANO CITTA' METROPOLITANA e BREBEMI

Ogni anno i media danno notizie sulla BREBEMI (Brescia-Bergamo,Milano), cioè sulla nuova autostrada inaugurata 2 anni fa. Per gli italiani del Centro-Sud ed i turisti è un'illustre - si fa per dire - sconosciuta. Ma forse è interessante leggere queste notiziole.
L'idea di costruirla è stata di un'impresa privata che ha messo un po' di capitali presi a prestito da importanti banche ed ha convinto alcuni Comuni interessati di aggiungere una parte del finanziamento (in totale più di 2 miliardi di Euro). Ho sentito una recente dichiarazione del CEO in difesa delle accuse per le perdite di bilancio dell'attività, il quale ha semplicemente sottolineato che dal primo anno al secondo vi è stato un aumento del traffico di più del 45%.
Il progetto prevedeva un traffico di 60.000 veicoli l'anno che invece ora sono soli 15.000. Ciò significa una perdita importante per la società. Le ragioni? Sono più di una, ma la prima è che gli imprenditori promotori, a mio parere, non sono stati ed hanno continuato a essere poco capaci nel loro mestiere.
Quando nel luglio del 2014 la A35 (così è stata numerata) fu aperta al traffico, non vi era collegamento diretto con la TEE (Tangenziale Est Esterna) che avrebbe permesso al traffico dall'A1 (A. del Sole) di accedere alla A35 e viceversa (completata solo 10 mesi fa); né vi erano i necessari collegamenti diretti fra la Brebemi e l'A4 (Torino, Bergamo, Brescia, Venezia, Trieste) a Brescia e a Bergamo. Il primo è attivo da pochi mesi mentre quello con Bergamo è di là da venire. Dico io: come si fa a non collegare immediatamente un'autostrada con le altre? Il progetto non lo prevedeva: male. Il pedaggio inoltre non è in concorrenza con quello dell'A4 anche se fa risparmiare alcuni kilometri.
In breve scarsa imprenditorialità. Ma veniamo ora la primo titolo, la SP14 che dimostra una volta di più questa mie ultime affermazioni.
Questa Strada Provinciale esiste da decenni; si chiama anche Rivoltana perché da Milano porta a Rivolta d'Adda. Insieme alla Cassanese, quasi parallela un po' più a nord, esse sono state scelte dagli ideatori della Brebemi per collegare Milano alla Tangenziale Esterna e da lì alla Brebemi. Le hanno quindi modificate in parte (erano normali strade a una corsia per verso di marcia con velocità massima 90 kmh) I miei concittadini e lo scrivente la conoscono bene perché la usiamo da sempre per andare e tornare a/da Milano; così vale anche per altri Comuni che sono toccati dalla Rivoltana.
L'hanno fatta diventare un "superstrada" per un decina di km, poi si sposta abbandonando la vecchia Rivoltana per raggiungere la TEE mentre la vecchia continua come era prima. Ed ecco le mie considerazioni sulla segnaletica e i segnali vari.
1) uscendo da Milano la superstrada comincia al km 2 (dove c'è il Lunapark) ed inizia con un leggera curva con 7 (dico sette) segnali inframmezzati da un albero (d'inverno per fortuna è senza fogliame) in un tratto di 50 m. Un automobilista di qualsiasi tipo di veicolo per poterli leggere tutti non dovrebbe avere una velocità superiore passo d'uomo, specialmente l'ultimo cartello, altissimo, che indica i nomi delle prime sei uscite indicate da i seguenti numeri:1a (che potrebbe leggersi "prima"), 1, 2, 3, 4, 5. Se non sbaglio, nella sequenza dei numeri civici "1" si colloca prima di "1a". No comment
2) Velocità massima 70 kmh per circa 4 km: prima era 90 sulla vecchia strada e lo è tuttora quando la Rivoltana ritorna ad essere la vecchia SP a due corsie totali. Dopo questi 4 km la velocità permessa è di 110 kmh. Vorrei una spiegazione dagli imprenditori della Brebemi. Da notare che nessun veicolo mantiene il limite di velocità a 70 ma vi è un controllo fotografico al km 6.5, quando si può già viaggiare a 110: perché non prima? Commento un po' faceto: se vi fossero dei controlli dei vari Comuni che sono attraversati dalla "nuova Rivoltana" essi potrebbero risolvere tutti i loro gravi problemi finanziari. Oppure sarebbe logico permettere i 110 all'ora fin dall'inizio, comunque con controlli frequenti?
3) Al km 5,5 vi è l'uscita per Pioltello-Limito (e per Rodano dove risiedo). Tre preavvisi che non hanno indicato Rodano (non vi dico le ragioni altrimenti mi arrabbio troppo). Dopo più di 1 anno di proteste i Rodanesi hanno ottenuto che solo uno dei tre preavvisi includa Rodano!! (ogni volta che qualche amico intende farmi visita gli raccomando di uscire al Pioltello-Limito; se non l'ho fatto si sono persi)
4) Dallo stesso svincolo Pioltello-Limito-Rodano per andare verso Milano, cioè al km 5,5, la distanza indicata è 4 km.
5) Sulle autostrade e superstrade le corsie di decelerazione sono regolate dal Codice della Strada come segue: "...è buona norma di comportamento imboccare la corsia di decelerazione a velocità non elevata, ma sufficientemente alta da sfruttare appieno la sua lunghezza per ridurre la velocità, senza disturbare i veicoli che seguono...". Ebbene su questa nuova superstrada tutte le corsie di decelerazione, anche se rettilinee, sono indicate immediatamente per 40 kmh. Per esempio nell'uscita di Piotello-Rodano si passa dai 110 kmh a 40 all'improvviso sulla corsia di decelerazione diritta per 800 m, cosa che contrasta con la regola appena menzionata. 40 kmh sono giustissimi quando il complesso delle corsie di uscita dalla super-autostrada è fatto a "quadrifoglio" ed è necessario comunque decelerare rapidamente perché il raggio di curva è corto. Da noi, se si passasse comunque da 110 a 40 di colpo si rischierebbe di provocare molti pericolosi tamponamenti. Simili attenzioni dovrebbero essere regolate per le corsie di accelerazione nell'immissione nella superstrada. Perché non indicare all'imizio della decelerazione 80 kmh e alla fine, quando si avvicina la rotatoria dalla quale partono le strade per i vari Comuni della zona, un secondo cartello a 40, o addirittura a 30 kmh?
6) Vi sono alcune strade di "avvicinamento" alla Rivoltana o di uscita dalla stessa (anche abbastanza lontane dallo svincolo e alcune classificate Strade Provinciali) diritte e senza ostacoli, incroci, edifici, ove il limite di velocità indicato è 40 o addirittura 30 kmh. La cosa più buffa è che dai 30 all'ora di una di queste, a partire dal cartello di ingresso nel Comune di Rodano sulla stessa strada, la velocità permessa è ovviamente di 50 kmh. Altra richiesta di spiegazioni da parte degli imprenditori.
Tutto ciò che precede può essere interessante anche per gli automobilisti che non utilizzano queste strade e superstrade. Il fatto è che in Italia i limiti di velocità sono volutamente approssimativi, quindi sbagliati, sempre esageratamente per difetto, cosicché quasi nessuno ne tiene conto. E nessuno ha pensato di fare contravvenzioni.
Ciò serve comunque a dimostrare che alcuni imprenditori italiani che si credono padreterno sono invece dei grandi impreparati e incompetenti. E chi dovrebbe correggere questi errori spesso è allo stesso livello di preparazione.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 25/07/2016 @ 15:55:21, in F) Questa è l'Italia, cliccato 564 volte)
SANITA' IN LOMBARDIA 2 - FINE AVVENTURA OSPEDALIERA (continuazione dell'articolo precedente)
30 giugno. Il paziente, dopo l'invito del dermatologo A a "vederci in settembre/ottobre, va alle prenotazioni e la disponibilità è per marzo 2017. Torna all'ambulatorio e l'infermiera dice che il dermatologo A è andato in vacanza e non ci sono altri dermatologi. Aggiunge che il paziente può provare a chiamare il numero centrale della Sanità Lombarda per ottenere l'appuntamento in altra struttura ospedaliera. Detto, fatto.
Addetto al call centre gentilissimo e collaborativo, dopo il racconto dell'avventura ospedaliera del paziente. Appuntamento ottenuto per la settimana successiva all'Ospedale di Sesto San Giovanni.
Lunedì 11 luglio ore 11.40 - il paziente arriva in anticipo ed è ricevuto alle 11.55. Il dermatologo B (di una certa età) legge il risultato della biopsia ed esclama dopo un gran risata: che esagerati! tanti paroloni per niente di speciale; sarebbe stato meglio operare in una stagione più fresca, comunque non c'è problema". In 5 minuti fa la crioterapia su tutta la regione frontale senza che il paziente avverta il minimo dolore. e si raccomanda di non prendere sole finché le "bruciature" non siano guarite.
Dopo meno di una settimana il paziente nota che tutti i segni sono spariti senza l'uso della  pomata disinfettante prescritta dal dermatologo B - e non acquistata - in caso di necessità.
Così è finita l'avventura ospedaliera di più di 12 mesi per una "cazzatella" che poteva essere risolta in 30-40 giorni. Quanto è costata alle strutture della Sanità lombarda? Fate voi il calcolo. Il ticket per la crioterapia pagato dal paziente è stato di Euro 11,65. No comment ! Tutti gli altri ticket pagati ai vari chirurghi che certamente non coprono i costi delle loro azioni, non dico che siano stati inutili, ma certamente in questo caso si sarebbero potute evitare anche in termini di tempo.
Lasciatemi dire: Viva l'Italia degli incompetenti e degli spreconi. "E io paago!" diceva Totò.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 181 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (32)
B) Belle Immagini (4)
C) Commenti e varie (143)
COMMENTI E VARIE (2)
D) Guerre (12)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (108)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (16)
L) Zero-carbonio (97)
M) Satira e Umorismo (64)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< settembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600