Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 30/12/2009 @ 19:08:35, in M) Satira e Umorismo, cliccato 891 volte)
LAVORARE PER GUADAGNARE DI PIU’ !
 
Non sono il redattore di questo testo, ma lo è un autore francese di teatro che si chiama Antoine Rault.
Me lo ha inviato mio nipote Gilles Picard Aprea, naturalmente in francese, ed è tratto dalla sceneggiatura di una commedia intitolata “Diable Rouge” che ha avuto fin dal settembre 2008 (ed ha tuttora) molto successo in numerosi teatri dei nostri cugini transalpini.
Pensando che non tutti i lettori di questo sito conoscano bene il francese, ho pensato di metterlo a disposizione di tutti nella nostra lingua, traducendo il testo che mi ha mandato mio nipote, proprio perché i concetti sono applicabili anche in Italia.
La commedia parla del Cardinale Mazzarino (il diavolo rosso) che è stato incaricato dalla regina madre Anna d’Austria di provvedere all’educazione del giovanissimo Luigi XIV, che sarà il famoso Re Sole. La scena è quella di una conversazione fra Mazzarino e Colbert[1]  a proposito di come si possono ottenere maggiori introiti per le finanze di stato
Ed ecco la traduzione letterale del messaggio ricevuto
 
“Lavorare di più per guadagnare di più…???
 
Basta cambiare i nomi e fare un salto di quattro secoli, così costaterete che niente è cambiato….!
 
Come creare delle nuove imposte ?
 
>>>> 
Colbert : Per trovare nuovo denaro, arriva il momento nel quale non è più sufficiente cincischiare. Io vorrei che il Signor Superintendente (all’epoca, l’Amministratore Generale delle Finanze; ndt) mi spieghi come si può concepire l’aumento della spesa quando si è indebitati fino al collo…
Mazzarino : Quando si è un semplice mortale, certamente no, e si è soffocati dai debiti, si va in prigione. Ma lo Stato? Lo Stato, lui è differente…non si può sbattere lo Stato in prigione. Allora si continua ad aumentare il debito. Tutti gli Stati lo fanno.
Colbert : Ah si? Voi lo credete? Eppure ci serve del denaro. E come lo si può trovare quando abbiamo già creato tutte le imposte immaginabili?
Mazzarino : Ne creiamo di nuove
Colbert : Non possiamo tassare i poveri più di quanto lo siano già…
Mazzarino : Si, è impossibile
Colbert : Allora, i ricchi?
Mazzarino : Tanto meno i ricchi. Non spenderebbero più. Un ricco che spende fa vivere delle centinaia di poveri!
Collbert : Allora, come si fa?
Mazzarino : Colbert, tu ragioni come un formaggio! (in questo caso è inteso come un citrullo; ndt) Non ci sono forse quantità di persone che stanno fra i due, né poveri, né ricchi? Sono i francesi che lavorano, sognando di essere ricchi e avendo paura di diventare poveri! Sono loro quelli che dobbiamo tassare, ancora di più, sempre di più! Quelli, più tu gli prendi, più lavorano per compensare, vero? E’ un serbatoio inesauribile….”
 
Colgo l’occasione per augurare indistintamente a tutti i miei lettori, i migliori auguri per un ottimo 2010: che sia pieno di serenità perché, se stai bene, sei sereno, se quelli che ti sono vicini e i tuoi amici stanno bene, sei sereno; se non hai problemi finanziari, sei sereno, se i tuoi rapporti con le persone che ti circondano sono buoni, sei sereno…e chi più ne ha, di serenità, meglio è!


[1] Raccomandato da Mazzarino a Luigi XIV, di cui è stato l’uomo di fiducia, contribuì alla caduta di Fouquet e fu nominato Controllore Generale delle Finanze; divenne uno dei più importanti ministri francesi dell’epoca
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 03/01/2010 @ 18:41:33, in H) Rodano, cliccato 735 volte)
SEMPRE PIU' REGOLAMENTI E ORDINANZE
MA CHI LE FA' RISPETTARE?
Il 21 dicembre 2009 abbiamo avuto una bella nevicata e la mattina dopo ce n’erano 35 cm.
L’amministrazione comunale di Rodano ha ri-emesso la solita ordinanza che riguardava i doveri del Comune e quelli dei Cittadini per quanto riguarda la pulizia delle strade e dei marciapiedi.
Cominciamo da questi ultimi:
I cittadini devono togliere la neve dai marciapiedi per una larghezza di 150 cm (esagerati) per l’intero percorso del marciapiede prospiciente la loro proprietà. Va bene, ma oggi 2 gennaio, nonostante siano passati molti giorni con temperature molto superiori allo zero e la pioggia che ha sciolto la neve quasi ovunque, vi sono ancora marciapiedi pieni di mucchi di neve ove è impossibile il passaggio. Dove sono i controlli dell’amministrazione comunale? Nei sogni. E il costo del lavoro di emettere l’ordinanza, stamparla e pubblicizzarla sulle apposite bacheche è stato speso inutilmente…e noi paghiamo!
Vediamo ora l’amministrazione.
Hanno messo in funzione gli spazzaneve per pulire le strade, ma:
1)     questi mezzi hanno ammassato la neve in mucchi alti circa 70 cm e larghi 1 metro davanti ai passaggi veicolari e pedonali delle proprietà private. Perché liberano questi passaggi solo per gli edifici pubblici? Pretendono che i proprietari liberino anche questi passaggi? Imparino le regole dai paesi del centro e nord Europa dove tutti i passaggi sono liberati!
2)     In alcune curve gli spazzaneve hanno rovesciato la neve della strada sul marciapiede con il risultato che i 35 cm sono diventati masse di 2 metri di larghezza e più di un metro di altezza. E poi pretendono che i proprietari liberino il marciapiede?
3)     Dopo la nevicata e la “pulizia” degli spazzaneve la temperatura è diminuita e la strada è divenuta in molti posti una lastra di ghiaccio. Dove era il sale promesso? Sempre nei sogni.
 
Siete proprio bravi!
E perché noi Rodanesi paghiamo questi fannulloni? (sostantivo imparato da Brunetta)
 
Lunedì 4 e martedì 5 gennaio ci sarà altra neve. Come andrà a finire?
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 19/01/2010 @ 12:13:06, in F) Questa è l'Italia, cliccato 656 volte)
VIVA CRAXI, ABBASSO CRAXI.
 
In questi giorni Craxi è sulla bocca di molti, i quali si “divertono” a parlarne male oppure bene.
Stamattina, come sempre quando posso, ho ascoltato Prima Pagina, la trasmissione di Radio 3 che mi permette di sapere ogni giorno molte delle cose che scrivono i giornali. Il conduttore di questa settimana è Polito, Direttore de “il Riformista”, di cui ho avuto modo di parlare qualche tempo fa criticando i giornalisti.
Anche questa volta non si è smentito. Un ascoltatore gli ha fatto notare che una delle decisioni negative di Craxi è stato il rinnovo del Concordato con la Chiesa cattolica e l’istituzione dell’8 per mille per le chiese – non tutte – al quale si aggiunge ciò che va allo Stato (per dichiarazione esplicita o per non dichiarazione del contribuente) in proporzione alla percentuale di donazioni dichiarate ed elargite alle varie chiese (ovviamente con alta percentuale alla Chiesa cattolica).
Lui ha risposto più o meno così: lei ha diritto di criticare e nessuno lo impedisce…però Craxi è stato comunque un grande politico e uomo di Stato.
Il Polito dimentica di dire che il Bettino ha fatto crescere il debito pubblico italiano, nei pochi anni del suo governo, da poco più del 50% al 120% del PIL (la regola europea di Maastricht è che il debito non debba superare il 60%). Basterebbe questo risultato di politica economica e finanziaria, senza riferire le due condanne passate in giudicato, per annullare tutte le lodi che si possono fare a Craxi per alcune (poche) azioni di governo..
Grande uomo politico e di Stato? ….”ma mi faccia il piacere!...” diceva Totò.
 
PS – Tutti i governi che si sono succeduti da allora ad oggi, compresi alcuni di centro-sinistra, non hanno fatto un’ adeguata politica economica tendente a diminuire il debito pubblico, salvo quelli di Prodi con Ciampi e di Prodi con Padoa Schioppa.
 
PS2 – Rispetto quanti vanno sulla tomba di Craxi per il decennale della sua morte, prima di tutti la moglie, i figli e qualche ex socialista suo amico. Questo però non deve essere l’occasione per riabilitare un condannato che si è sottratto alla giusta punizione in patria scappando all’estero.
 
PS3 – In un lontano passato anch’io ho votato socialista, ma mai più da quando Craxi divenne segretario del Partito. Avevo capito che non era un vero socialista, cioè una persona che lavorava per gli italiani
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 78 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (32)
B) Belle Immagini (4)
C) Commenti e varie (143)
COMMENTI E VARIE (2)
D) Guerre (13)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (109)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (16)
L) Zero-carbonio (98)
M) Satira e Umorismo (64)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< gennaio 2023 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600