Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 31/10/2011 @ 11:45:29, in M) Satira e Umorismo, cliccato 870 volte)
 
RISUS ABUNDAT IN ORE STULTORUM
 
Da luglio fino ad oggi in tutto il mondo centinaia di giornalisti, politici, economisti, esperti più o meno veri, hanno scritto articoli, hanno parlato in TV e alla radio, scritto lettere sui vari piani finanziari, sul commissariamento del nostro governo da parte della BCE e del Consiglio Europeo.
Mi era dunque ben chiaro che, di fronte a tanta competenza, non mi era lecito intervenire sul mio piccolo blog che conta poco e che è seguito da relativamente poche persone.
Quindi mi sono dedicato (e divertito) a seguire le varie espressioni delle facce di tutte queste persone “importanti” di ambedue le parti, facce che ho visto sugli schermi delle varie TV, ma che ho immaginato senza tema di sbagliarmi leggendo il tono dei loro scritti o ascoltandoli alla radio: ironici, incazzati, commiserevoli, divertiti e sorridenti, ecc. In particolare ho seguito le facce di Berlusconi che durante la scorsa estate spesso erano buie, con qualche sprazzo di serenità quando le fiducie in Parlamento erano a suo favore, dopo i numerosi passi falsi di votazioni in cui il governo “era andato sotto”.
Da settembre in poi la frequenza dei sorrisi si è accentuata – e così quella dei suoi scagnozzi-cortigiani - perché l’Europa aveva accettato i suoi vari “compitini” portati dinanzi al Consiglio sui quali aveva avuto la sufficienza, salvo beninteso dimostrazione di applicazione con risultati profittevoli.
Però ci sono ancora alcune cose che non mi so spiegare, a parte le frasi dette sull’Euro, rimangiate dopo poche ore con la solita scusa della “cattiva interpretazione” o dall’aver “travisato” le sue parole; a parte le ultime prese di posizione contro Bini Smaghi il quale non “obbedisce” agli accordi Sarkozy-Berlusconi di dimettersi perché ci deve essere un francese nel Consiglio della BCE, accordo che non sta né in cielo né in terra dato che questo organismo europeo è da sempre indipendente da qualsiasi governo degli stati membri dell’UE.
La cosa che più di altre non mi so spiegare, è la ragione del perché il Nostro sorride con sempre maggior frequenza mentre tutti lo attaccano in tutto il mondo considerandolo uno scemo, incompetente come quasi tutti quelli di cui si è circondato, compreso il suo fidato, fino a qualche tempo fa, ministro del Economia che di economia ne sa poco..
Io mi sono occupato di problemi economici per una vita ed ho ascoltato con maggiore attenzione più di un economista italiano e straniero affermare che la famosa “lettera” di buone intenzioni presentata al Consiglio Europeo contiene delle azioni politiche per lo sviluppo economico che non fanno sviluppare un bel niente e che queste azioni invece dovrebbero essere esattamente il contrario perché, così come sono, favoriranno la recessione. Ed è questo che mi fa’ più paura, non tanto per me, ma per tutti gli italiani, specialmente i giovani.
Allora come la mettiamo? “Stultus” in latino significa “stolto”, cioè (dal dizionario degli omonimi di Zanichelli) : scemo, stupido, imbecille, idiota, cretino, deficiente, tonto, gonzo, babbeo.
Io ritengo che il continuo ridere con 64 denti, alzare la mano con il saluto fascista, intervallato da qualche lenta chiusura delle dita sul palmo a mo’ di saluto comunista col pugno chiuso, sempre circondato da 5 gorilla ben piazzati e attentissimi, questo ridere dunque sia dovuto a pura demenza, quella di quelle persone – anche di altri politici - che stanno andando o sono vicini ad essere fuori di testa per morbo di Alzheimer, specialmente quando affermano che la legislatura finirà regolarmente nel 2013. Ciò evidenzia il fatto che non capiscono niente, soprattutto che ora non dipende più unicamente dal Parlamento e da quelli che li hanno appoggiati finora.
Aveva ben ragione Veronica a dire che era un uomo malato, ma non solo di sesso!
-          Ci sarà pure qualcuno dei suoi che è un po’ meno fuori di testa e che possa aiutarci a mandarlo in pensione al più presto?
-          Oppure aspetta che intervengano pesantemente e direttamente l’Europa, gli USA e la Cina?
-          Si è forse dimenticato delle sue giovani “badanti” nelle serate ad Arcore e palazzo Grazioli?
Sono certo che lo curerebbero amorevolmente.
E non si preoccupi per noi italiani, quando afferma che non c’è nessuno al di fuori di lui che possa salvare l’ Italia, ……..ci sarebbe per esempio anche un Matteo Renzi, basterebbe e avanzerebbe!
 
PS – mettendo da parte la satira per una riflessione seria, considero che la grave crisi finanziaria ed economica che tocca non solo la Grecia, l’Italia, la Spagna, il Portogallo ed anche paesi apparentemente meno coinvolti, penso che essa potrà essere l’occasione per l’avvio di una politica economica comunitaria “super partes” la quale potrebbe essere la base per una decisione di effettivo orientamento verso un’unione politica.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 09/10/2011 @ 19:02:43, in C) Commenti e varie, cliccato 654 volte)
RICUCIAMO L’ITALIA
 
Il movimento Libertà e Giustizia aveva invitato col passaparola di internet i milanesi ed i cittadini lombardi e di altre Regioni a partecipare ad un incontro che si è svolto all’Arco della Pace a partire dalle 14.30 di ieri.  Il titolo dell’incontro era appunto “Ricucire l’Italia”
È iniziato quasi preciso in breve attesa del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia che evidentemente ha molti appuntamenti che lo impegnano continuamente.
Io ed un mio amico carissimo, che non ne sapeva niente, eravamo due delle circa 25.000 persone che assistevano in una piacevolissima giornata di autunno piena di sole e di tiepido vento che faceva sventolare mille bandiere in un cielo di un azzurro profondo.
Perché il mio amico non ne sapeva niente, nonostante sia un uomo impegnato culturalmente e che si interessa di politica? Perché i media non ne avevano parlato come avrebbero dovuto. Libertà e Giustizia è considerata da molti un’accozzaglia di protestatari rompiscatole, dei radical-chic, dei filosofi, degli utopisti, e chi più ne ha più ne metta.
Oggi su La Repubblica è apparso un articolo di Roberto Saviano che non aveva potuto essere presente ma che aveva inviato un suo filmato in cui parlava dal grande schermo. Chi sono stati gli altri eccellenti “speakers”?
Una bravissima presentatrice Elisabetta Rubini, la Presidente del Movimento Sandra Bonsanti, e poi Lirio Abbate, Lorenza Carlassare, Roberta De Monticelli, Claudio Fava, Paul Ginsborg, Paolo Limonta, Valerio Onida, Stefano Pareglio, Simona Peverelli, Dario Fo, Giuliano Pisapia, Marco Revelli, Onorio Rosati, Michele Serra, Franco Siddi, Carlo Smuraglia, Bruno Tinti, Marco Travaglio, Giuliano Turone, Salvatore Veca, Gustavo Zagrebelsky (spero di non aver fatto confusione o dimenticato qualcuno). Umberto Eco che era in Svezia ha inviato un messaggio che abbiamo ascoltato. 
Di cosa hanno parlato? Di tutto ciò che sta succedendo in questi giorni in Italia da qualche tempo a questa parte, della crisi, del governo, di Berlusconi, della maggioranza, dell’opposizione, di cosa fare per rimettere l’Italia in piedi, delle leggi ad personam, della legge bavaglio delle intercettazioni, del crollo della classe politica al potere, del perché dobbiamo e vogliamo ricucire l’Italia  che è svergognata in tutto il mondo. C’era uno slogan di un famoso vignettista di cui non ricordo il nome: “sarebbe opportuno un filo di decenza: c’è da ricucire la dignità di un intero paese!”.
Marco Travaglio ha spiegato bene cosa si intende per “ricucire”. Non si tratta di un paragone con un abito strappato, rotto e irrecuperabile, ma di un abito di ottima stoffa che si è “scucito” e si deve ricucire.
Ma uno delle tante frasi ascoltate che più mi è rimasta in mente è quella di Dario Fo, il quale ci ha fatto anche ridere molto, come solo lui sa fare; la frase è: “ci vogliono progetti, per realizzarli è necessario che ognuno di noi si interessi dei problemi degli altri; e per farlo ci vuole amore!”
Quanta verità è condensata in queste poche parole!
Ed ha proposito di progetti, si è parlato di molti argomenti, tutti validissimi, disoccupazione, difesa dei lavoratori, di guerra alla camorra e alla mafia che non è fatta come si dovrebbe, dei tagli che riguardano la salute, l’istruzione, gli enti locali anche loro tagliati nelle finanze, ecc.
Però – e ci risiamo - non si è parlato di ambiente, cioè del diritto alla nostra vita, che troppi dimenticano.
Vedremo se il testo sui problemi ambientali che sto scrivendo e terminando (vedi l’articolo “Verde in città” della Sezione Zero Carbonio del 25-3-2011)  insieme ad una cara ed esperta amica avrà successo, e così esso possa dare un contributo a questo importante bisogno e diritto alla nostra salute, e a quello dell’ambiente naturale in cui viviamo e del clima, per noi e le generazioni che seguiranno.
 
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 08/10/2011 @ 12:23:49, in C) Commenti e varie, cliccato 645 volte)
LA QUESTIONE DELLA "I" ED ALTRE FACEZIE
Non ricordo chi fu ad inventare la sigla PIGS che faceva riferimento ai 4 paesi europei che presentavano all’inizio della crisi del 2008 una situazione economica gravemente compromessa, cioè Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna.
In quella occasione tutti quelli che non conoscevano l’inglese impararono che PIGS significa anche “porci” e vi furono numerosi malevoli i quali suggerirono che la parola doveva essere allungata trasformandola in PIIGS, cioè aggiungendo l’Italia.
La reazione del nostro governo e della maggioranza che lo sostiene fu rumorosa e si mostrarono scandalizzati di tale insinuazione: sia il presidente del Consiglio dei Ministri che il suo Ministro dell’Economia (si fa’ per dire, perché di economia ne sa poca) affermarono ad alta voce che l’Italia era in ottime condizioni economiche, che non era colpita dalle vicissitudini di questi paesi e che avrebbe superato brillantemente la crisi economica e finanziaria mondiale facilmente perché l’indebitamento italiano era in maggioranza privato, che le nostre banche non avevano titoli di stato di questi paesi, e tante altre facezie.
I fatti attuali smentiscono quelle affermazioni. Non solo: l’Irlanda è ormai uscita brillantemente dalla sua precaria situazione, quindi possiamo ritornare alla parola originale che denota i paesi porci perché il posto dell’Irlanda è stato “conquistato” brillantemente dall’Italia.
Però i porci attuali stanno allargando la compagnia ad altri paesi fra i quali gli stessi Stati Uniti, con la differenza che tutti questi, salvo l’Italia, lavorano molto per uscire da questa situazione.
Le ragioni sono tante e le abbiamo sotto i nostri occhi; lo affermano tutti in Italia e all’estero, persino alcuni giornali considerati vicini alla maggioranza politica italiana (Il Tempo di Roma). Quindi è inutile ripetere qui le stesse cose che tutti troviamo sui tutti i media..
Lasciatemi però fare un commento su un comportamento che non ho ingoiato e che denota una volta di più l’assoluto disinteresse dei nostri governanti (che dovrebbero essere servitori delle Stato) per il lavoro nell’interesse dei cittadini. Mi riferisco all’episodio di Berlusconi che va a festeggiare i 57 anni del presidente del Consiglio dei Ministri russo, Vladimir Putin, mentre si rinvia ancora una volta ciò che finora il governo non ha mai fatto da quando sono cominciati e poi si sono aggravati i nostri guai: un programma di politica economica (non unicamente finanziaria imponendo nuove tasse ai cittadini come hanno fatto) per risollevare il nostro Paese dalle sabbie mobili della grave recessione verso la quale ci stiamo velocemente avviando.
Permettetemi anche di fare un altro commento su una lettera a L’Espresso apparsa nel luglio di quest’ anno, che ho conservato. L’autore è il signor Nicola Pasta e parla di uno studio del CENSIS (Centro Studi Investimenti Sociali) il quale ipotizza che nel 2050 il 42% dei giovani di oggi avranno una pensione inferiore ai 1000 Euro mensili. Dopo le critiche ed i dubbi espressi sullo studio, il signor Pasta conclude dicendo : “…la prima domanda da farsi non è quanto prenderanno i giovani nel 2050, ma se per quella data esisteranno ancora l’euro, l’INPS, l’Italia, e perché no, il genere umano, lo stesso che appena 30 anni fa si temeva che si sarebbe auto annientato in un olocausto nucleare”.
Come sapete ormai da tempo, io sono un sincero e consapevole ambientalista non utopista. Spero e mi auguro che il pericolo di un olocausto nucleare sia definitivamente cessato. Però l’annientamento del genere umano rischia di avvenire, forse qualche anno più tardi del 2050, se il genere umano, quindi tutti gli stati del mondo, non adotterà seriamente e cominciando da subito, tutte le necessarie azioni per diminuire l’inquinamento ambientale derivante dall’uso delle fonti di energie inquinanti (principalmente carbone, petrolio e gas), annullerà gli sprechi, soprattutto quello dell’acqua che causa di guerre, e frenerà l’aumento della popolazione che ora si prevede aumenterà a 10 miliardi prima del 2050.
 
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 213 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (32)
B) Belle Immagini (4)
C) Commenti e varie (144)
COMMENTI E VARIE (2)
D) Guerre (13)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (109)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (16)
L) Zero-carbonio (99)
M) Satira e Umorismo (64)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< maggio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600