Omografi? Contatti
Euronite - Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
\\ Home Page : Articolo
Euronite
Di Gennaro Aprea (del 29/09/2007 @ 12:24:02, in M) Satira e Umorismo, cliccato 776 volte)

CONTAGIO DA “EURONITE” ?

 

Sede dell'Assemblée Nationale a P

Ho ricevuto da mio nipote francese – quindi lui, Gilles Picard,  è l’autore di questo pezzo - un messaggio e-mail che non posso fare a meno di passarvi perché mi ha fatto venire in mente un neologismo “Euronite”, cioè attaccamento fisico e spasmodico alla moneta Euro.. Qui sotto troverete la traduzione del messaggio, con qualche abbreviazione perché vi sono dei dettagli minuziosi che renderebbero questo articolo ancora più lungo. Ed ecco di che si tratta:

“Oggetto: PREPARATEVI A LAVORARE PER LORO  - Per ciascun deputato non rieletto, i francesi dovranno pagare € 417.120 = 60 mesi moltiplicato per € 6.952.  E’ la nuova indennità di disoccupazione dei deputati!  Notizia ripresa su RMC (RadioMonteCarlo) da J.J. Bourdin il quale sottolinea che gli eletti, dalla sinistra alla destra, sono tutti d’accordo !  La maggioranza dei media non ne parlano!  Al termine di 5 anni di indennità parlamentare, i deputati tutti i non rieletti riceveranno” € 1.390 al mese, cioè il 20% del normale trattamento economico (da cui si deduce che l’indennità francese è ben inferiore a quella dei nostri deputati – n.d.r.).  Allora, fate un sforzo, lavorate (un po’ di più) per pagare le imposte che serviranno a pagare “i paracaduti d’oro” dei nostri deputati. 

Ma perché 5 anni? E’ precisamente il periodo di una legislatura.   

Questo voto è avvenuto proprio nel momento in cui i candidati ci parlavano degli sforzi che dovrebbero permettere ai francesi di ridurre il debito pubblico, evidenziando così il dispendioso “treno di vita” dello Stato!

L’informazione sulla nuova indennità di disoccupazione dei deputati è stata rivelata dal giornale “Le Canard Enchainé” il 7 febbraio 2007, poi ripresa dal “Midi Libre” il 1° marzo 2007.  Curiosamente sono i soli media che ne hanno parlato. Silenzio totale da parte delle televisioni, radio o altri giornali, normalmente spinti a denunciare i “paracaduti d’oro” di alcuni grandi imprenditori o alti dirigenti (alcuni a ragione). Perché hanno taciuto su questo “affare”? Senza dubbio perché questa legge è stata votata “dolcemente” da tutti i gruppi politici, UMP, PS, UDF, PCF (da notare: solo 4 partiti in Parlamento), i quali sono capaci di intendersi perfettamente quando si tratta di concedersi vantaggi sulle spalle dei francesi. 

Prima di lasciare il suo posto J. L. Debré (Presidente dell’Assemblée Nationale – Camera dei Deputati ) ha fatto votare all’unanimità e nel silenzio completo, una legge che stabilisce che un deputato non rieletto prende per 60 mesi, al posto dell’indennità mensile netta, come è stato finora, per soli 6 mesi che è (secondo quanto appare sul sito dell’Assemblée Nazionale) € 5.178, cioè € 6.952 lordi.

Quindi ripeto che ciascun deputato non rieletto costa dunque ai francesi € 417.180 per 5 anni. Senza parlare di quanto costerà per sempre per tutte le legislature a venire.

Le indennità parlamentari sono state attribuite ai deputati e definite dall”ordonnance” (regolamento) N° 58-1210 del 13/12/1958. L’indennità di base è calcolata ‘con riferimento al trattamento dei funzionari che occupano delle posizioni statali classificati nella categoria detta fuori scala’ . 

 

  E qui vi è un elenco dettagliato dei calcoli e delle regole che parificano questa indennità parlamentare  al trattamento dei Consiglieri di Stato, un po’ simile quella in uso in Italia  (chi volesse avere i dettagli può chiedermeli). Da notare che questa indennità comprende: l’indennità di base, quella di residenza, di funzione, e che le ritenute obbligatorie (totale € 1.774) riguardano la quota per le pensioni (15 anni di mandato e non 2,6 + 1 giorno + volontaria fino ai cinque anni) contributo di solidarietà, di rimborso del debito sociale e la quota di fondo di garanzia delle risorse. 

 

 “Così Jean Louis Debré, prima di lasciare la presidenza dell’Assemblée Nationale, e in qualità ora di nuovo presidente  del Consiglio Costituzionale, ha fatto un “joli cadeau” (la traduzione letterale, un regalo carino, non rende come in francese) ai suoi amici deputati di tutti i partiti.

Beninteso questa generosa indennità di disoccupazione è totalmente priva di condizioni, ed il felice beneficiario di questa jolie rimunerazione per 5 anni, non è tenuto ad alcun impegno di nessun genere, come per esempio dimostrare la ricerca di un nuovo impiego, una visita mensile ad un consigliere dell’ANPE (Agenzia Nazionale Per l’Impiego), o un’attività che giustifichi questo ‘aiuto sociale’….in breve tutto ciò che invece si richiede ai disoccupati ordinari.

Ecco di cosa crepa la Repubblica, della corruzione delle sue élites“, perché evidentemente nessun partito ha protestato, visto che tutti beneficeranno delle liberalità del Signor Debré.  

 

Se siete scandalizzato e rifiutate di essere trattato come un fesso, diffondete almeno questo messaggio. Altrimenti contentatevi di pagare. Viva la Repubblica delle Banane! Viva la Francia!”

 Fin qui i nostri cugini francesi (si danno del voi) che spesso accusano noi di essere cittadini di una Repubblica delle Banane. Ma a me sorge un dubbio. Che i nostri parlamentari abbiano fatto visite intime ai loro omonimi francesi e li abbiano contagiati di attaccamento eccessivo e carnale all’Euro, cioè di Euronite?  Voi che dite? Rifiuterò ogni risposta del tipo: “mal comune mezzo gaudio”.  

 

Ma, a proposito di costi della politica, che fine hanno fatto il progetto di legge – letto su L’espresso - dei “deputati di Rifondazione Maurizio Acerbo e Francesco Caruso che prevede il dimezzamento dell’indennità, una proposta che, se passasse, taglierebbe  a metà i vitalizi dei deputati, ma anche i compensi, pensioni incluse dei consiglieri regionali, ancorati alle indennità parlamentari”. E che fine hanno fatto – sempre da  L’espresso – “i senatori dell’Ulivo Luigi Lusi (Margherita) e Luigi Bobba hanno depositato il progetto che porta l’età del pensionamento a 65 anni mentre oggi chi ha più di una legislatura ottiene  il vitalizio a 50 anni o prima. Questa proposta contiene anche il passaggio al sistema contributivo”, contro quello attuale retributivo che vale per i senatori eletti a tutta questa legislatura.

Signori Presidenti del Senato e della Camera: che fate? dormite o lo fate apposta? Datevi una svegliata!

 

 

 

 

 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 485 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (31)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (129)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (104)
G) Ricette (8)
H) Rodano (41)
I) Sport e Calcio (14)
L) Zero-carbonio (90)
M) Satira e Umorismo (56)
Zero-carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600