Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 19/06/2010 @ 19:14:35, in H) Rodano, cliccato 595 volte)
ULTIME NOTIZIE SU RODANO E DINTORNI (Polo chimico)
 
Il 31 maggio ho scritto un articolo sugli sprechi di elettricità fatti dall’amministrazione comunale. Devo aggiungere che le lampade dei lampioni stradali, non solo non si spengono prima delle 9.30 della mattina quando la luce diurna è forte sino dalle 6.30, ma si riaccendono alle 16.30 circa quando la luce diurna è fortissima fino alle 21 di sera, anche grazie all’ora legale….ed i Rodanesi pagano! Oppure l’ENEL illumina gratuitamente il Comune di Rodano? Ma questi amministratori, leggono? Oltre al mio sito c’è anche quello di Progetto Rodano che ne ha parlato (vedi sotto); mi sorge il dubbio che siano analfabeti di ritorno???
Ma queste sono quisquiglie !
Giovedì 17 sono andato ad una riunione alla Elle per sentire delle interessanti dichiarazioni delle due liste di opposizione, Progetto Rodano e Gente di Rodano, che hanno invitato i cittadini a dare loro una mano per portare avanti una campagna finalizzata ad un programma di azioni e di chiarificazione nei confronti delle autorità competenti dopo le ultime notizie sulla bonifica delle tre discariche inquinanti che sono sul terreno SISAS, in particolare sul territorio del nostro comune.
La giunta comunale ha finora minimizzato la situazione e assicurato che la bonifica delle discariche era quasi completata (tutto va ben, madama la marchesa!, tutto va ben, va tutto ben), cosa non vera: come non sono vere altre passate affermazioni degli assessori responsabili di questi argomenti.
Vi assicuro che ne ho sentito delle belle (Zunino, Grossi  & C.) e vi assicuro che, nell’interesse comune. I Rodanesi dovrebbero informarsi bene di questa situazione che è poi legata anche al PGT (Piano di Governo del Territorio) e della VAS (Valutazione Ambientale Strategica) che devono essere approvati entro breve termine.
Suggerisco di collegarvi al sito di Gente di Rodano www.gentedirodano.it e a quello di Progetto Rodano www.rodanonews.eu per constatare “de visu” come la giunta comunale abbia finora gestito malamente questo importante argomento che rischia di creare danni aggiuntivi a quanto la SISAS ha fatto durante il periodo della sua attività. Tutto ciò nonostante il lungo articolo apparso su l’InformaRodano di questo mese che tenta di giustificarsi sul passato negativo tranquillizzando i lettori.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 03/06/2010 @ 12:02:09, in M) Satira e Umorismo, cliccato 791 volte)
COME CONCILIARE IL SACRO COL PROFANO
 
 
Quando leggo i racconti di Umberto Vitello, eccelso scrittore, mi vergogno della povertà di contenuti e di stile dei miei scritti su questo sito. Per mia e vostra fortuna Umberto mi ha dato il permesso di pubblicarli sul sito, quindi ce li godiamo insieme.
 
 
 
Umberto Vitiello
 
Carne bianca di gallina, biscotti di Castellammare
e Lacryma Christi
 
(Come conciliare il sacro col profano)
 
Non era diverso da tanti altri napoletani della sua generazione don Giovannino Manzella.
Religioso e pio, ma anche schiavo dei sensi, si struggeva da tempo nella inutile ricerca di conciliare il sacro col profano..
E certo fu per questo che una notte gli capitò di fare un sogno bello e strano.
Spenta la luce e segnatosi devotamente nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, prima di alleggerirsi l’anima con la solita invocazione di perdono diventata da tempo una incomprensibile cantilena, don Giovannino fu preso dal bisogno di farsi un approfondito esame di coscienza.
I peccati erano sempre gli stessi. Di gola e di sesso.
Negli ultimi tempi, però, aveva esagerato. E come !
- Il Signore questa volta non potrà proprio perdonarmi - si disse costernato dopo aver passato in rassegna gli atti riprovevoli che aveva commesso recentemente a tavola e a letto.
E la sua invocazione, più lunga e accorata del solito, si concluse con un sospiro, una promessa e una supplica.
- Dio mio, non ti offenderò mai più; ma salvami, ti scongiuro, dalle pene dell’inferno!
Si fece di nuovo il segno della croce. si asciugò gli occhi e attese non poco, prima di sprofondare nel sonno.
 
 
In una nube di pulviscolo attraversata dal fascio di luce d’una vetrata dai colori sgargianti lo scuro confessionale era illuminato da Dio in persona.
E don Giovannino si vide lì, in ginocchio e con l’orecchio attento alla voce che gli giungeva dallo spioncino.
- Da quanto tempo non ti confessi, figliolo?
- Da più di un mese, padre.
- Hai atteso tanto e hai rischiato di dannarti per l’eternità.
- Ho avuto tanta vergogna...
- Vergogna di cosa?
- Questa volta ho esagerato, sia a tavola che a letto.
- Se il tuo pentimento è sincero e la tua confessione sarà completa, il Signore, nella sua infinita bontà, saprà ben perdonarti. Parla, dunque, e dimmi contrito tutto ciò che di male hai commesso in questo mese.
- Le mie sregolatezze sono ormai senza limiti. Quando in tavola ci sono frutti di mare non mi accontento di un assaggio e me ne faccio una grande abbuffata. E questo, invece di togliermi l’appetito, mi mette addosso una voglia che non vi dico. Allora mi butto con ingordigia su vermicelli alle vongole, sartù di riso, spaghetti al pomodoro fresco, maccheroni al ragù e lasagne al forno, pesci di tutte le specie, braciole e salsicce, mozzarelle, ricotta, pecorino, provolone, scamorze, provole, caciocavalli, insalate e verdura. Per non parlare di babà, sfogliatelle, pastiere, casatielli, struffoli e paste reali. Certo, mi aiuto col vino. Ne tracanno a litri e di tutte le qualità. Greco di Tufo, Gragnano, bianco e rosso di Capri e di Ischia, Solopaca, Taurasi e Fiano.
In compenso, però, quando esagero nel mangiare mi addormento subito e non commetto altri peccati.
Ma quando a letto ci vado un poco più leggero e con una bella ciaciona, faccio peggio che a tavola. Comincio con.....”
- Basta, ho capito! - urlò il prete indignato. - Vedo che nonostante le mie esortazioni e i tuoi buoni proponimenti non solo continui a ricadere negli stessi stravizi di gola e di sesso, ma ti comporti ormai come un ossesso. E allora, come un padre affettuoso ricorre a estremi rimedi pur di salvare il proprio figliolo da morte sicura, questa volta io non mi accontenterò di promesse da marinaio. Perciò ti impongo di dirmi in tutta sincerità se ti senti disposto ad accettare una dura penitenza.
- Per riconquistarmi la benevolenza di nostro Signore, sono pronto a sottomettermi a qualsiasi tortura.
- Se è così, e solo per indurti al pieno ravvedimento, condizione indispensabile per riconciliarti con Dio, ti ordino di non toccare per un anno intero né carni rosse né pane né vino né donne, ricordandoti che se non eseguirai fino al termine stabilito questa dura ma salutare penitenza ben difficilmente potrai salvarti dalla dannazione eterna!
Don Giovannino accettò umilmente la condanna, recitò l’atto di dolore e ottenne l’assoluzione.
Ma non appena mise piede fuori dalla chiesa un atroce dubbio gli spezzò il cuore.
- E se nonostante i miei buoni proponimenti mi lascio indurre in tentazione prima del termine stabilito? - si chiese spaventato a morte e due lacrimoni gli rigarono il volto.
Una giovane suora che varcava in quel momento la soglia della chiesa si accorse del suo turbamento e gli si avvicinò.
- Cosa ti succede, fratello ? - gli chiese. 
- Ho paura che questa volta mi dannerò senza rimedi.
- Il Signore, vedrai, è misericordioso.”
- Sì, è misericordioso; ma io sarò capace di rispettare fino in fondo la penitenza che mi è stata imposta?
- E qual è questa penitenza?
- Per un anno intero non devo toccare né carni rosse né pane né vino né donne. E un anno è lungo a passare.
- Asciugati il viso, fratello, e gioisci, perché io posso aiutarti a superare questa lunga prova.
- E come? - chiese fiducioso e incuriosito don Giovannino.
- Devi sapere che nel nostro convento non si mangiano né carni rosse né pane, ma solo carni bianche di gallina e biscotti di Castellammare. E in quanto al vino, noi non beviamo che Lacryma Christi del Vesuvio e qualche bicchierino di marsaletta.”
- E allora?
- Allora, te ne vieni per un anno da noi - gli rispose tutta allettante la giovane suora.
- Ben volentieri, sorella. Ma in quanto alle donne?
- Anche per questo c’è rimedio. Io, come puoi immaginare, ho rinunciato da un pezzo alla mia femminilità. Perciò, quando non sai trovare altro rimedio alle tue voglie, te ne vieni da me e ti abbracci a questa croce - gli rispose la giovane suora e gli allargò le braccia.
“ Questo è un miracolo ! “ - esclamò don Giovannino e si svegliò di buon umore.
 
 
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 31/05/2010 @ 10:56:55, in H) Rodano, cliccato 542 volte)
SPRECHI DI ENERGIA ELETTRICA
 
Ieri mattina mi sono svegliato presto, verso le 6, perché non avevo più sonno. Il cielo era grigio ma la luce era già piena. Guardando fuori della finestra mi sono accorto – come altre volte, ma non vi avevo prestato molta attenzione in passato – che alcuni lampioni dell’illuminazione stradale nella strada dove abito erano ancora accesi, mentre altri – quelli installati di recente davanti alle case di recente costruzione - erano già spenti.
Ho deciso di sorvegliare questa situazione per constatare quando si sarebbero spente le grosse lampadone: sono rimaste accese fino alle 9 passate, cioè molto più di 3 ore di spreco.
Io non so se e in quali altre zone di Rodano vi sia la stessa situazione, però sono certo che una delle voci di costo più pesanti per un Comune è l’illuminazione stradale. So anche che esistono da decenni dei relais applicati agli interruttori i quali fanno scattare l’accensione e lo spegnimento a seconda delle condizioni di luce diurna/notturna.
In questo caso ho l’impressione che non vi siano i relais e che lo spegnimento/accensione siano fissati per la luce diurna/notturna dei periodi invernali, oppure che siano mal funzionanti se esistenti.
Sono andato sull’ultimo InformaRodano a pagina 2 dove c’è il rendiconto approvato dal Consiglio Comunale ed ho cercato invano i dettagli delle “spese correnti”, cioè il costo dell’illuminazione stradale (1) che dovrebbe essere compreso nella voce “territorio”.
Questi comportamenti sono uno dei tanti esempi di cattiva amministrazione finanziaria da parte della giunta comunale, sintomatici di una cultura del non risparmio in questi tempi nei quali tutti si lamentano delle ristrettezze di bilancio e piangono miseria, istaurando l’addizionale IRPEF per i rodanesi.
A questi comportamenti si aggiunge quello che alcune informazioni che dovrebbero essere a disposizione dei cittadini, sono (volutamente?) nascoste…e non mi vengano a dire che noi possiamo andare nella sede comunaleper informarci; molti di noi non sanno leggere un bilancio e/o non hanno tempo per farlo.
 
(1) a proposito, avevo già scritto quasi 2 anni fa che i nuovi lampioni installati di recente avrebbero potuto essere a “led” con risparmio di circa il 60% sul consumo e del taglio di più del 50% del costo della manutenzione, ed assenza di inquinamento luminoso
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 51 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (32)
B) Belle Immagini (4)
C) Commenti e varie (143)
COMMENTI E VARIE (2)
D) Guerre (12)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (108)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (16)
L) Zero-carbonio (97)
M) Satira e Umorismo (64)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< settembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600