Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 19/01/2010 @ 13:03:45, in C) Commenti e varie, cliccato 612 volte)
GIÚ LE TASSE…..NO, NON SI PUÒ…
 
Jean-Baptiste Colbert
 
Quando il Presidente del Consiglio ha detto che avrebbe diminuito l’IRPEF dei contribuenti al 23% per i redditi fino a 100.000 Euro ed al 33% per quelli superiori a 100.000, mi sono detto fregandomi le mani: bene, questa volta la mia pensione non sarà diminuita come sta succedendo da quando Berlusconi è al Governo, ma aumenterà, quindi sarò contento e lo saranno milioni di italiani, quelli che pagano le tasse. E così avranno più denaro da spendere; i negozianti e i produttori di beni e servizi saranno contenti perché i consumatori compreranno di più; e alla fine l’economia italiana andrà meglio. Bravo Silvio! Quasi quasi mi univo al coro “meno male che Silvio c’è”.
Poi la delusione della smentita: “non ce la facciamo adesso” col suggeritore Tremonti, il cosiddetto Ministro dell’Economia che vuole salvare l’’Italia e soprattutto le tasche – quelle si - degli evasori che trasferiscono i profitti in nero all’estero.
Però dentro di me ho fatto un rimprovero a Silvio ed al suo alabardiere: se i soldi non ci sono nelle casse dello Stato, li si può aumentare diminuendo le spese e con qualche ritocco alle tasse, perché no? Ma come?
Ecco le soluzioni:
1)     Tutti i trasferimenti agli enti locali, Regioni e soprattutto Comuni, vengono annullati
2)     Gli insegnanti di tutte le scuole vengono diminuiti ancora di un aggiuntivo 50% e le classi avranno un minimo di 70 alunni
3)     Le spese per la ricerca (0,8% del PIL contro il 2-3 punti percentuali di altri stati europei) vengono dimezzate
4)     Le imposte indirette (es. le accise sui carburanti e l’IVA) vengono aumentate
5)     Altre varie a vostra scelta
 
Ecco allora che l’IRPEF poteva essere diminuita, tanto le Regioni e i Comuni possono aumentare le addizionali IRPEF sostituendo così i mancati introiti; la spesa per l’istruzione e per la ricerca diminuiscono, la benzine ed il gasolio costano un po’ – ma solo un po’ - di più, la carta bollata anche, i tabacchi anche… e vaaaai!
 
Tornando ad essere seri – si fa per dire - una volta tanto, se volete, rileggetevi l’ultimo articolo che ho scritto nel 2009 in questa stessa Sezione, "Satira, commenti, varie", che parlava di tasse di 400 anni fa, grazie a due famosi signori francesi: Mazzarino e Colbert.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 19/01/2010 @ 12:13:06, in F) Questa è l'Italia, cliccato 632 volte)
VIVA CRAXI, ABBASSO CRAXI.
 
In questi giorni Craxi è sulla bocca di molti, i quali si “divertono” a parlarne male oppure bene.
Stamattina, come sempre quando posso, ho ascoltato Prima Pagina, la trasmissione di Radio 3 che mi permette di sapere ogni giorno molte delle cose che scrivono i giornali. Il conduttore di questa settimana è Polito, Direttore de “il Riformista”, di cui ho avuto modo di parlare qualche tempo fa criticando i giornalisti.
Anche questa volta non si è smentito. Un ascoltatore gli ha fatto notare che una delle decisioni negative di Craxi è stato il rinnovo del Concordato con la Chiesa cattolica e l’istituzione dell’8 per mille per le chiese – non tutte – al quale si aggiunge ciò che va allo Stato (per dichiarazione esplicita o per non dichiarazione del contribuente) in proporzione alla percentuale di donazioni dichiarate ed elargite alle varie chiese (ovviamente con alta percentuale alla Chiesa cattolica).
Lui ha risposto più o meno così: lei ha diritto di criticare e nessuno lo impedisce…però Craxi è stato comunque un grande politico e uomo di Stato.
Il Polito dimentica di dire che il Bettino ha fatto crescere il debito pubblico italiano, nei pochi anni del suo governo, da poco più del 50% al 120% del PIL (la regola europea di Maastricht è che il debito non debba superare il 60%). Basterebbe questo risultato di politica economica e finanziaria, senza riferire le due condanne passate in giudicato, per annullare tutte le lodi che si possono fare a Craxi per alcune (poche) azioni di governo..
Grande uomo politico e di Stato? ….”ma mi faccia il piacere!...” diceva Totò.
 
PS – Tutti i governi che si sono succeduti da allora ad oggi, compresi alcuni di centro-sinistra, non hanno fatto un’ adeguata politica economica tendente a diminuire il debito pubblico, salvo quelli di Prodi con Ciampi e di Prodi con Padoa Schioppa.
 
PS2 – Rispetto quanti vanno sulla tomba di Craxi per il decennale della sua morte, prima di tutti la moglie, i figli e qualche ex socialista suo amico. Questo però non deve essere l’occasione per riabilitare un condannato che si è sottratto alla giusta punizione in patria scappando all’estero.
 
PS3 – In un lontano passato anch’io ho votato socialista, ma mai più da quando Craxi divenne segretario del Partito. Avevo capito che non era un vero socialista, cioè una persona che lavorava per gli italiani
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 03/01/2010 @ 18:41:33, in H) Rodano, cliccato 718 volte)
SEMPRE PIU' REGOLAMENTI E ORDINANZE
MA CHI LE FA' RISPETTARE?
Il 21 dicembre 2009 abbiamo avuto una bella nevicata e la mattina dopo ce n’erano 35 cm.
L’amministrazione comunale di Rodano ha ri-emesso la solita ordinanza che riguardava i doveri del Comune e quelli dei Cittadini per quanto riguarda la pulizia delle strade e dei marciapiedi.
Cominciamo da questi ultimi:
I cittadini devono togliere la neve dai marciapiedi per una larghezza di 150 cm (esagerati) per l’intero percorso del marciapiede prospiciente la loro proprietà. Va bene, ma oggi 2 gennaio, nonostante siano passati molti giorni con temperature molto superiori allo zero e la pioggia che ha sciolto la neve quasi ovunque, vi sono ancora marciapiedi pieni di mucchi di neve ove è impossibile il passaggio. Dove sono i controlli dell’amministrazione comunale? Nei sogni. E il costo del lavoro di emettere l’ordinanza, stamparla e pubblicizzarla sulle apposite bacheche è stato speso inutilmente…e noi paghiamo!
Vediamo ora l’amministrazione.
Hanno messo in funzione gli spazzaneve per pulire le strade, ma:
1)     questi mezzi hanno ammassato la neve in mucchi alti circa 70 cm e larghi 1 metro davanti ai passaggi veicolari e pedonali delle proprietà private. Perché liberano questi passaggi solo per gli edifici pubblici? Pretendono che i proprietari liberino anche questi passaggi? Imparino le regole dai paesi del centro e nord Europa dove tutti i passaggi sono liberati!
2)     In alcune curve gli spazzaneve hanno rovesciato la neve della strada sul marciapiede con il risultato che i 35 cm sono diventati masse di 2 metri di larghezza e più di un metro di altezza. E poi pretendono che i proprietari liberino il marciapiede?
3)     Dopo la nevicata e la “pulizia” degli spazzaneve la temperatura è diminuita e la strada è divenuta in molti posti una lastra di ghiaccio. Dove era il sale promesso? Sempre nei sogni.
 
Siete proprio bravi!
E perché noi Rodanesi paghiamo questi fannulloni? (sostantivo imparato da Brunetta)
 
Lunedì 4 e martedì 5 gennaio ci sarà altra neve. Come andrà a finire?
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 81 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (32)
B) Belle Immagini (4)
C) Commenti e varie (143)
COMMENTI E VARIE (2)
D) Guerre (12)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (108)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (16)
L) Zero-carbonio (97)
M) Satira e Umorismo (64)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< settembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600