Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
FERROVIE DELLO STATO: DI MALE IN PEGGIO
 
Ieri sono andato a Verona per visitare l’esposizione di SOLAREXPO[1]  ed ascoltare alcuni convegni sulle nuove tecnologie dei pannelli solari e affini.
Ho prenotato una “Freccia Bianca” anche per il ritorno in giornata ed ho passato delle ore interessanti e utili alla Fiera. Alla fine del pomeriggio, abbastanza stanco, sono andato alla stazione ferroviaria e mi sono accorto che c’era un treno “Freccia Bianca” che partiva mezzora prima del mio. Ho cercato l’ufficio informazioni anche leggendo attentamente tutti i numerosi cartelli per sapere se potevo farlo: nessuna traccia di questo servizio; e nemmeno un ferroviere in giro a cui porre la domanda.
Ho deciso di salire sul treno sul quale non avevo la prenotazione.
Quando è passato il conduttore (la persona che erroneamente chiamiamo il controllore) ho mostrato il biglietto e mi ha detto che dovevo pagare 8 Euro per la prenotazione (in più dei 38 Euro del biglietto A/R compreso le due prenotazioni)
Gli ho fatto notare che la poltrona dove mi ero seduto non era stata richiesta da nessuno perché evidentemente non era prenotata e che io avevo pagato la prenotazione per il treno successivo lasciando quindi libero il posto sul treno successivo.
Ovviamente mi ha risposto che questo era il regolamento. Non ho discusso, però, anche se non sono un esperto giuridico, ho l’impressione che si tratti di appropriazione indebita.
Se nella stazione di Verona avessi trovato qualcuno che mi potesse dare informazioni, avrei potuto anche decidere di non pagare una seconda prenotazione, ma non ho potuto farlo. Insomma – come già vi ho raccontato nel mio precedente (e divertente) racconto dell’11 ottobre 2010 “Grandi Stazioni delle FS”) questa azienda continua ad aumentare i prezzi dei servizi prestati ai viaggiatori e si comporta di male in peggio con i proprio clienti. Viva la concorrenza!.
 
PS – ovviamente non sono gli 8 Euro che mi hanno spinto a raccontarvi questo episodio, ma il principio di vedere “estorcere” sempre più denaro ai viaggiatori dandogli un servizio peggiore.


[1] Terza più importante esposizione internazionale a livello mondiale e prima in Europa
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 06/05/2011 @ 14:47:34, in G) Ricette, cliccato 798 volte)
PASTA E PATATE
 
Credo che poche persone conoscano al di fuori della Campania questa vecchio piatto, semplice e gustoso, tipicamente napoletano. Però l’ultima volta che sono stato nella mia città mi è capitato di gustarne una variante che mi hanno servito in una bettola del centro storico (Spaccanapoli), variante che ho trovato molto saporita.
La ricetta originale[1]  è la seguente:
Per 6-7 persone
Ingredienti:
-          minuzzaglia[2] 500 gr., oppure lo stesso peso di bucatini e pennette sminuzzati
-          patate 800 gr.
-          pomodori pelati 250 gr oppure un bel cucchiaio di concentrato
-          pancetta di maiale o bacon 100 gr
-          olio e.v.d’o. 50 gr.
-          1 costa di sedano
-          1 carota
-          1 cipolla
-          qualche crosta di formaggio parmigiano
-          sale e pepe quanto desiderato
Per la variante cui ho accennato, aggiungete una provola di 300 gr.
 
Si trita la pancetta o il bacon in piccoli tocchetti che si mettono a soffriggere in una pentola con l’olio e la cipolla, il sedano e la carota minutamente affettati. Quando il soffritto è divenuto biondo, aggiungete il pomodoro lasciandolo asciugare prima di unirvi le patate tagliate a pezzetti. Dopo averle fatte un po’ rosolare, aggiungete acqua finché non siano coperte ed aggiungete il sale ed il pepe nonché le croste di parmigiano ben grattate dallo sporco superficiale, ammollate in acqua tiepida e tagliate a quadrotti. Coprite e fate cuocere bene.
A parte fate cuocere la pasta aggiungendola a cottura non completa alle patate facendo così insaporire il tutto e finire di cuocere la pasta. A Napoli questi piatti non piacciono brodosi ma asciutti (come la pasta e fagioli), però si può variare a seconda dei gusti lasciando un po’ di acqua di cottura della pasta.
 
La variante prevede che la cottura del tutto non sia completa. Occorre quindi aggiungere la maggior parte della provola tagliata a cubetti che deve essere ben mescolata alla pasta e patate. Poi mettetela in una teglia non troppo bassa e ricoprite la superficie con il resto della provola. Fatela cuocere in forno finché il formaggio sia ben imbiondito.
 
 
 
 
 


[1] Di Lidia e Vittorio Gleijeses : “Il napoletano in cucina” - ed. Società Editrice Napoletana 1979
[2] Rimasugli di vari tipi di pasta spezzata e sminuzzata: nei Supermercati solo la Voiello la offre; se non la trovate, con pazienza prendete almeno 6 tipi diversi di pasta (dagli spaghetti agli ziti, ecc.) e rompetela in un mortaio o simile.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 01/05/2011 @ 11:38:14, in C) Commenti e varie, cliccato 574 volte)
Come sicuramente ricordate, sono un attento e fedele ascoltatore di questa eccellente trasmissione che si può ascoltare la mattina presto dalle 7.15 alle 8.35. Il maggior pregio è che si può avere un’idea abbastanza completa della stampa quotidiana senza che le notizie siano “guidate” dalla Direzione perché chi riferisce e risponde agli ascoltatori è un editorialista che cambia ogni settimana. Perciò la trasmissione ha un buon successo.
 
La settimana che si è conclusa oggi è stata condotta egregiamente da Massimo Mascini, direttore del quotidiano on line “Il Diario del Lavoro”. Fra le domande e considerazioni poste dagli ascoltatori nella seconda parte della trasmissione (fra le 8 e le 8.35) ve ne sono state due che ritengo utile riferire perché dimostrano quanta limitata sia la conoscenza delle persone – ed in alcuni casi anche del giornalista – e quanta mediocre sia la capacità di comunicare da parte dei politici e degli enti che dovrebbero diffondere cultura.
 
“L’Energia”
Un ascoltatore ha riferito che Terna (senza dire cosa sia Terna; come se tutti lo sapessero)[1]  che circa il 98% del fabbisogno di energia in Italia (senza dire subito che si tratta di energia elettrica) è stato nel 2010 soddisfatto dai produttori nazionali e solo circa il 2% è stato importato (Francia, Svizzera, Austria e Slovenia n.d.r.). Quindi è arrivato alla conclusione che le centrali nucleari previste dal governo non sono necessarie. Il direttore Mascini gli ha risposto giustamente che il petrolio, il gas ed il carbone per produrre energia elettrica sono in massima parte importati quindi la ragione di costruire centrali nucleari è quella di risparmiare sulle importazioni delle altre fonti fossili di energia. Comunque è necessario sempre importare la materia prima uranio o plutonio per farle funzionare.
Commento: è possibile che vi siano persone che pongano domande come questa spacciandosi per persone informate mentre la loro cultura sull’argomento energia in generale è decisamente limitata?
 
“Programma economico della Sinistra”
Una signora siciliana ha detto che numerosi suoi conoscenti esperti criticano giustamente la Sinistra all’opposizione perché si occupa di “bunga bunga” e non di presentare un programma concreto per migliorare la situazione economica italiana che ha bisogno di migliorare anche per risolvere i tanti problemi, fra cui la disoccupazione.
Mascini le ha dato ragione ma non ha menzionato ciò che ha preparato il Dipartimento Economia e Lavoro del Partito Democratico.
Commento: questo documento è stato realizzato di recente con il titolo “Europa, Italia. Un progetto alternativo per la crescita”. Nella prefazione-sintesi vi si legge: “Come tutti i paesi membri dell’Unione europea e dell’area Euro, l’Italia è tenuta a presentare in Aprile alla Commissione Europea e al Consiglio dell’Unione una versione aggiornata del Programma di stabilità e del Programma Nazionale di Riforma (National Reform Program)…..” Il PD dunque ha voluto dare un contributo positivo elaborando delle proposte concrete con l’intenzione di confrontarle con quelle del Governo (se ne parla un po’ quando si annuncia che Tremonti e il Consiglio dei Ministri discuteranno le loro proposte, ma la stampa in genere non mette in primo piano queste cose importanti esaltandone altre che sono invece sulle prime pagine dei giornali).
C’è però un fatto assurdo: quasi nessuno è al corrente del documento del PD (103 pagine compreso le appendici) il quale sembra fare di tutto perché nessuno conosca la loro proposta. Ho appreso la sua esistenza da un amico e mi è stato detto che potevo trovarlo sul sito del Partito. Ci sono andato è ho smanettato a lungo senza riuscirci, poi l’amico mi ha dato un link e finalmente ho potuto leggerlo. Non è perfetto ma certamente è un documento positivo che, almeno in un breve estratto per l’uomo della strada, avrebbe dovuto essere inviato a tutti i media nazionali per informare i cittadini. Questo è il colmo che dimostra la mancanza di capacità di comunicazione di marketing di quei politici che affermano incessantemente che loro risolveranno i problemi dell’Italia appena Berlusconi se ne andrà grazie al “bunga bunga”, senza però dire come lo faranno!
 
 


[1] È la società responsabile della trasmissione dell’energia elettrica ad alta tensione sul territorio nazionale
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 506 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (31)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (130)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (105)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (14)
L) Zero-carbonio (90)
M) Satira e Umorismo (59)
Zero-carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600