Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
\\ Home Page : Storico : F) Questa è l'Italia (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 21/04/2008 @ 19:40:07, in F) Questa è l'Italia, cliccato 2173 volte)
COSA PENSANO DI NOI
 
Domenica 13 aprile Eugenio Scalfari ha scritto un monumentale articolo in cui riferiva, fra l’altro, che l’Economist, il grande settimanale britannico, aveva affermato e confermato che Berlusconi era “unfit”, cioè inadeguato, per governare.
Un mio carissimo amico che vive e lavora in Germania mi ha mandato questa vignetta che è apparsa sul Nuernberger Nachrichten (il quotidiano di Norimberga) che non ha bisogno di commenti.
Cosa succederà in futuro?
Il nostro nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri è avvisato: si “adegui”, oppure sarà tempestato da questi giudizi….che poi si riversano sull’Italia intera, ma non tutti gli italiani se lo meritano.
I miei amici mi hanno detto: “noi piangiamo quando vediamo queste cose, per la vergogna”
 
Di Gennaro Aprea (del 07/03/2008 @ 11:22:44, in F) Questa è l'Italia, cliccato 670 volte)
MORTI SUL LAVORO
 
Sono troppi giorni che siamo colpiti dalle notizie e profondamente addolorati per la lunga catena di morti e feriti che sembrano aumentare invece di diminuire nonostante siano diventati un male sentito ormai da tutti gli italiani, come non succedeva fino a poco tempo fa.
Voglio esprimere qualche mio pensiero perché sento e vedo in televisione tante persone (fra cui molti politici) e giornalisti che ne parlano come se fossero diventati fatti di banale cronaca nera e non vanno a fondo nelle cose con imparzialità.
“Si devono aumentare le pene”
“Gli imprenditori sono colpevoli e devono essere perseguiti sempre di più”
“I lavoratori sono diventati solo cose che servono per produrre e non si pensa più a loro come persone”
“Troppe famiglie diventano vittime delle morti bianche”…
“Dobbiamo migliorare le leggi e aumentare le ammende”…
“Non possiamo (noi imprenditori) accettare maggiori oneri per la sicurezza”
E così via di seguito…..
Voglio dire qualcosa perché nella mia lunga esperienza di lavoro mi sono trovato per molti anni di fronte alla necessità di gestire situazioni simili perché ho dovuto amministrare navi che trasportavano vari tipi di gas e prodotti chimici, alcuni molto pericolosi. E so cosa vuole dire e come può essere pericoloso bonificare serbatoi, bonifica necessaria per cambio di prodotto da caricare.
Di fronte alla morte mi inchino e mi sento assolutamente solidale con le famiglie, le mogli, i figli, spesso solo bambini che non avranno più il loro padre (o madre) per tutta la vita.
Però. C’è un però che mi sento di dover dire, anzi i “però” sono più di uno.
Riconosco che molti imprenditori prendono alla leggera l’intero sistema di sicurezza per i lavoratori della loro impresa, con atteggiamenti, anzi prassi, che provocano molte di queste morti e ferite-menomazioni che creano disabili.
Il primo “però” è: ma se vi sono delle norme più o meno cogenti che possono evitare “stragi”, come le prendono in considerazione gli stessi lavoratori?
 
Prendiamo per esempio l’ultima strage, quella di Molfetta. Vi è una cisterna da bonificare. Sembra – perché le informazioni sono quasi sempre approssimative - che l’ultimo carico sia stato nel dicembre 2007 e che si tratti di zolfo in polvere (o liquido?). Da quanto ho letto e sentito alla radio e in televisione, sembra che abbiano usato acqua calda e “candeggina”, cioè un liquido che contiene cloro che avrebbe potuto creare un gas letale miscelato ai residui di zolfo. Poi il primo degli uomini si affaccia al “passo d’uomo”; si sente male respirando quel gas (mentre scrivo ancora non si sa quale sia) e cade nella cisterna rompendosi una gamba (sembra). Ma perché si avvicina al passo d’uomo senza un respiratore e – se necessario – senza una bombola di aria o di ossigeno? Anche se si tratta di semplice zolfo! Cosa doveva fare? Quali sono le norme? Nessuno lo ha mai detto in questi giorni!
Poi arriva il secondo lavoratore, che ha visto e forse ha capito. Anche lui si comporta nella stessa maniera, ma non ha capito un bel niente; e così di seguito per altri tre dei quali uno è il piccolo imprenditore la cui attività è proprio quella di bonificare serbatoi che hanno contenuto prodotti vari, quindi dovrebbe avere un’esperienza adeguata (ci sono gas letali o molto pericolosi che si creano perfino in cisterne che hanno contenuto solo grano, quello che serve per fare la farina, alimento base della nostra alimentazione).
Ebbene mi viene spontaneo pensare che quelle povere persone si sono comportate come uno che di notte in una strada completamente buia e di grande traffico, si veste di nero, si tinge anche la faccia di nero e si stende sull’asfalto, cioè si comporta come se volesse suicidarsi premeditatamente.
Cioè, in poche parole: ma dove avevano la testa?
E di questi esempi di comportamento ce ne sono centinaia, forse migliaia.
Io ne ho uno a due passi da casa. Da poco più di un mese sono iniziati i lavori in un grande cantiere per la costruzione di immobili di civile abitazione. Vi sono tre gru alte circa 40 metri con un braccio altrettanto lungo se non di più. Queste gru portano in giro grandi contenitori di malta di calcestruzzo che è caricata da camion miscelatori e spostati per la discarica nei posti che devono essere riempiti di calcestruzzo. Non riesco a vedere se indossano guanti e scarpe di sicurezza, ma sicuramente nessuno dei lavoratori addetti che manovrano le gru e che spostano i contenitori per posizionarli nei punti esatti, nessuno ha mai indossato un casco. Io penso che siano imbecilli.
La ASL dovrebbe controllare, perché sua è la responsabilità da quando hanno eliminato l’ENPI (Ente Nazionale Protezione Infortuni) che era composto solo da esperti ingegneri che facevano prevenzione, ingegneri che quasi non esistono più nelle ASL. E cosa fa’ questo ente tuttofare per prevenire?
 
Ma, ritornando alla cisterna, quali sono le regole per entrarvi attraverso il passo d’uomo? I lavoratori sono stati istruiti adeguatamente e preventivamente? perché non ne parlano? chi fa’ rispettare le regole nell’ambito dell’impresa stessa? ci sono controlli? se non ci sono, perché? ecc.
Questi sono tutti “però” che se avessero buone risposte eviterebbero le disgrazie, quelle che si non possono addebitare solo alla mala sorte.
E l’ultimo però è: tutti si lamentano della mancanza di fondi per rinforzare i controlli. In Italia vi sono delle buone leggi – anche se sono troppe – ma non sono applicate perché spesso complicate e perché non vi sono controlli.
Le morti bianche (con i disabili e i feriti) costano milioni alla collettività e l’aumento dei controllori e dei controlli verrebbe ampiamente ripagato dal risparmio derivante dalla sostanziale diminuzione di queste stragi.
Siamo nelle stesse condizioni delle morti per incidenti stradali. Più polizia, più controlli, meno morti, disabili e feriti, meno spese per la collettività (a parte naturalmente meno dolore di tutte le persone coinvolte).
Non c’è niente da fare: siamo in mano a una massa di incompetenti che fa solo i propri interessi e non sa guardare oltre il proprio naso.
E, se questi ci amministrano, è solo colpa nostra che non ci interessiamo, come dovremmo, di sapere bene chi mandiamo ad amministrarci. E siamo anche capaci quasi sempre di rieleggerli.
Sono certo che molti, non solo non saranno d’accordo con me, ma mi malediranno perché non accettano una critica nei confronti dei lavoratori.
 
Di Gennaro Aprea (del 01/03/2008 @ 20:31:57, in F) Questa è l'Italia, cliccato 561 volte)
PUBBLICITA’
 
La mia vecchia professione di consulente di management mi ha sempre portato a fare attenzione alla comunicazione di marketing ed in particolare a quella parte che si chiama pubblicità.
In Italia, specialmente – ma non solo – in televisione, vi è una maggioranza di comunicati, chiamati ormai solo “spot” pubblicitari, che sono assolutamente pietosi e ve ne sono perfino alcuni che incitano all’anarchia, oppure che prendono noi consumatori per degli imbecilli creduloni.
Vi faccio qualche esempio.
1) La RAI, per invitare a pagare il canone annuale, ha creato uno degli spot nel quale un ragazzino, durante una gara delle olimpiadi di nuoto sincronizzato, lascia andare in piscina un modello di motoscafo radiocomandato che urta contro la testa di una nuotatrice che”affonda”: Se questa non è istigazione all’anarchia, spiegatemi come si chiama! Tutto questo per far capire che la RAI coinvolge e lascia liberi i telespettatori di fare ciò che vogliono (che non è affatto vero)..
2) Un altro esempio di spot per imbecilli è quello che pubblicizza un prodotto per lavare perfettamente un casseruola di vetro incrostata di rimasugli di arrosto bruciato usandone una piccola quantità con un programma leggero della lavastoviglie.
3) L’ultimo che riferisco oggi classifica tre nostri calciatori importanti per degli emeriti cretini perché quando si avvicina a loro, seduti ad un tavolo di bar, un uomo sorridente, assumono l’espressione di persone molto appagate dall’essere stati riconosciuti, cosa che dopo un solo attimo cade nel vuoto della delusione perché dietro al loro tavolo vi sono 4 persone che rappresentano un gruppo di banche. Infatti l’uomo sorrideva ai bancari e non ai calciatori. Alla fine l’uomo, soddisfatto delle assicurazioni dei servizi offerti dalle banche, esclama:”che squadra!”. Al che uno dei calciatori si alza con l’aria incazzata perché si sente sminuito, pronto ad inveire (o qualcosa di più) contro l’uomo, ma i compagni lo fermano.
Non so se questo spot colga l’occasione per prendere in giro i nostri calciatori che si sentono sempre al centro dell’attenzione e, quando non lo sono, si mostrano delusi al massimo comportandosi da imbecilli….e forse molti di loro lo sono.
 
In conclusione, salvo poche eccezioni, la comunicazione pubblicitaria televisiva in Italia è in generale mediocre rispetto a quella di altri paesi europei. E’ certamente una questione di percentuale, ma vi assicuro che mi vengono dei dubbi su quanto essa possa fare effetto (salvo certamente non quella penosa dei prodotti svizzeri) su noi consumatori
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 335 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (31)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (129)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (104)
G) Ricette (8)
H) Rodano (41)
I) Sport e Calcio (14)
L) Zero-carbonio (90)
M) Satira e Umorismo (56)
Zero-carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600