Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 23/12/2008 @ 19:11:48, in H) Rodano, cliccato 3442 volte)
LETTERA APERTA AL SINDACO DI RODANO – ALBERI SOSTITUITI
 
Egregio Sindaco Marazzi,
 
non invio questa lettera all’InformaRodano perché certamente non sarebbe pubblicata, così come è stato per le mie ultime tre (sono le prime che ho messo sul sito), quindi rinuncio ad utilizzare il mensile edito dal Comune che dovrebbe essere aperto a tutti i cittadini; dico dovrebbe, ma non lo è se contiene troppa critica, oppure è troppo lunga (solo la maggioranza e l’opposizione possono scrivere a lungo, perché?)….e chissà se qualcuno, leggendo questo sito, le indicherà che c’è uno, cioè io, che non è per niente d’accordo con lei; e chi sa se qualcun altro (spero più di uno) invece aprirà gli occhi sulle sue dichiarazioni circa la “necessità” di sostituire gli alberi.
Bene, ho letto i suoi articoli sul nostro InformaRodano di dicembre del 2008 che riguardano il taglio degli alberi. Mi dispiace menzionare me stesso, ma su questo sito nella sezione ”Rodano” il 27 settembre 2006 ho inserito un articolo intitolato “Alberi o pali” che cercava di dimostrare l’inutilità di tagliare tutti gli alberi di via delle Querce e facevo alcune considerazioni sulla scarsa competenza delle persone addette delle varie amministrazioni (quasi tutte) che si sono succedute alla guida del Comune, in materia di “verde pubblico”.
Ora però sento il dovere, nell’interesse dei Rodanesi, di chiarire meglio la situazione. Le mie affermazioni sono basate sulla mia più che cinquantennale esperienza nel campo, nelle conoscenze e tecniche apprese in questo lungo periodo per studi da autodidatta e insegnamenti di esperti, i quali spesso mi ha fatto constatare che i vivaisti pensano solo al loro interesse e turlupinano i loro clienti (anche le amministrazioni comunali).
Bene, cominciamo dalle radici e una volta per tutte chiariamo che:
1)     non tutte le radici superficiali crescono all’infinito, dopo averle tagliate per rifare i marciapiedi o per spianare la strada, salvo e in parte solo quelle di alcune conifere, specialmente i pini,… ed il fico
2)     la ragione principale per la quale crescono molte radici superficiali all’inizio dello sviluppo è perché molti vivaisti tagliano il fittone, cioè la principale radice verticale del giovane albero
3)     se si tagliano le radici superficiali dopo qualche anno, l’albero non muore affatto, a patto che il taglio sia eseguito da persone competenti.
 
Per quanto riguarda il primo punto, vi è stata una prova tangibile proprio a via delle Querce, davanti alla scuola elementare, ”Tamagnone regnante”. Le radici di alcune querce in quel posto avevano sconquassato il marciapiede e i genitori e i bambini potevano inciampare (o avevano già incespicato) nei rigonfiamenti del marciapiede, a scapito della sicurezza. Fu scavato il terreno intorno al tronco, tagliate le radici superficiali, rifatto e allargato il riquadro di terra intorno ad esso. E gli operai non danneggiarono alcun albero. Risultato: per altri 4 o 5 anni, fino alla barbara ”eliminazione” di tutte le querce della strada non vi fu alcun rigonfiamento della terra intorno quei tronchi, né sul marciapiede. Una seconda prova tangibile è visibile tutt’oggi alla fine di via Giovanni XXIII (venendo dalla Rivoltana) di fronte ai complessi dei box, dove i vecchi tigli ai quali è stato fatto un trattamento simile, non presentano alcun rigonfiamento sul marciapiede.
Confermo che le radici superficiali deformano il terreno intorno al fusto solo all’inizio dello sviluppo, poi si fermano, e solo quelle che fanno vivere la pianta per tutta la durata della loro vita continuano a crescere verticalmente e profondamente nel terreno fino al completamento dello sviluppo dell’albero.
Per il terzo punto, in parte ho già accennato al taglio delle radici delle querce al punto 1). Ma vorrei dire un’altra cosa che smentisce le sue affermazioni, Ventisei anni fa nel mio giardino ho messo a dimora degli alberi da frutta, fra i quali un albicocco; si sa che l’albicocco non ha lunga vita, ma prima di sostituirlo con un altro, e grazie al consiglio di un esperto agronomo, ho eseguito un scavo circolare intorno al tronco di circa 1 metro di raggio e 30 cm di profondità; ho tagliato tutte le radici superficiali affioranti (che erano di un diametro fino a 20 cm) ho concimato con stallatico e compost della mia concimaia, e ricoperto il tutto. Ebbene l’albero non è affatto morto, anzi non sono più apparsi rami secchi sulla chioma, che avevo dovuto eliminare negli ultimi 3-4 anni. E l’agronomo mi ha assicurato che avrò frutti abbondanti (che negli ultimi anni erano diminuiti) per qualche anno ancora. Se le piacciono le albicocche, venga pure a prenderne da me nel prossimo maggio-giugno.
 
Allora, l’amministrazione comunale, e soprattutto lei che dovrebbe guidarla con le sue esperienze agricole, avete fatto i conti di quanto costava abbattere gli alberi e sostituirli rispetto a fare i lavori che le ho descritto senza dover comprare e mettere a dimora nuove “essenze”? (dopo aver rimosso i vecchi alberi, e scavato in profondità per togliere le sue radici, nonché far tagliare e portare via la legna)
E a proposito di essenze, quelle che avete piantato a via delle querce, molte di esse sono state messe a dimora troppo vicino ai pali dell’illuminazione stradale, cosicché d’estate, quando la gente ha voglia di passeggiare la sera, la luce di lampioni è completamente oscurata dalla grande chioma per tratti via via crescenti negli anni. L’illuminazione stradale non è un fattore della sicurezza? Vi possono essere sul marciapiede oggetti vari, escrementi di cani, vetri rotti, ecc. invisibili per l’oscurità, nei quali si può inciampare….e forse anche qualche malintenzionato che potrebbe nascondersi al buio e assalire i passeggianti, bambini o anziani.
Qualcuno ha esposto dei manifestini dicendo che ella sarà ricordato come un barbaro che ha fatto tabula rasa degli alberi. Io aggiungo che è necessario sapere perché ha sostituito ed intende sostituire e far sostituire (cosa faranno dei tigli esistenti i costruttori della nuova urbanizzazione di via Palermo-via delle querce?) invece di salvare quelli che ci sono, ove possibile, e sicuramente lo è nella maggioranza dei casi. Non so se l’opposizione attuale abbia fatto un’interrogazione sul bilancio economico comparativo (dopo essersi informata), ma mi sembra di no.
Se non l’ha fatta, allora posso pensare che anche a Rodano vi sono “inciuci” (?), oppure l’opposizione non fa’ bene il suo dovere, oppure vi siete fatti turlupinare dai vivaisti,…. oppure cosa?…..
Prima di chiudere le chiedo di osservare bene la foto di questo articolo-lettera. L'ho scattata il 16 novembre di quest'anno a Peschiera del Garda. E' un esempio di come altre amministrazioni trattano i vecchi alberi, salvandoli dalla sostituzione con altre essenze!
 
Gennaro Aprea
 
PS 1 – Una delle ragioni per le quali ella ha giustificato la sostituzione degli alberi è che quelli esistenti hanno bisogno di manutenzione, in particolare le potature; mentre scrivo, a via delle querce vi sono degli operai che “manutengono” potando gli alberi (famiglia delle acacie) messi 3 anni fa. Allora, come la mettiamo con la manutenzione?….
PS 2 – e a proposito di fandonie, si vada a leggere sul sito anche il mio articolo intitolato “Gli alunni di Berlusconi” nella sezione “Questa è l’Italia” del 20 ottobre 2008.
 
 
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 08/12/2008 @ 11:47:00, in F) Questa è l'Italia, cliccato 543 volte)
INCENTIVI AL RISPARMIO ENERGETICO
 
Il Governo, su “istigazione” del nostro Ministro dell’Economia Giulio Tremonti (che economista non è) ha deciso di eliminare per il 2008 e in maniera retroattiva gli incentivi del 55% a tutte le persone fisiche e giuridiche che investono per il risparmio energetico, cioè cappotto degli edifici, nuove caldaie che consumano 25-30% in meno rispetto a quelle di 15-20 anni fa, pannelli solari per l’acqua calda, pompe di calore, coibentazione dei tetti, ecc., escluso i pannelli votovoltaici che vengono finanziati da una fonte finanziaria differente.
Poi, come spesso è uso fare, si è rimangiato tutto, a seguito di forti proteste giunte da tutti i lati.
Resta comunque il fatto che non si sa se nel 2009 questi incentivi rimarranno e, in caso affermativo, saranno ridotti in percentuale (36% ?) e su base del silenzio-rifiuto (bella invenzione!).
La ragione principale accampata dal nostro Ministro è riassunta nel solito ritornello: “Non si sono soldi”….ma i “soldi” non erano i 20 centesimi di lira? – ricordate la frase: “tre palle un soldo”, per abbattere i barattoli negli stand delle fiere di paese? Ma non siamo ora nell’epoca degli Euro? Vabbè.
La ragione seconda accampata dal Ministro è che si è accorto che gli italiani hanno capito la convenienza e si sono buttati ad investire, tanto che i rimborsi previsti per il 2008 rispetto al 2007 sono aumentati di varie centinaia di percentuali (non so quanto adesso), mi sembra dieci volte, quindi non ci sono soldi.
Il Ministro non ha fatto caso che l’Italia sarà probabilmente posta sotto inchiesta dalla Commissione Europea perché è l’ultima, in ordine decrescente fra i 27 paesi della U.E., per lo sviluppo del risparmio energetico e delle energie rinnovabili.
Ora io mi chiedo: ma il nostro grande economista non ha pensato di (far) fare uno studio di mercato a campione sul “trend” degli investimenti nel risparmio energetico, cioè sulle aspettative di sviluppo di questo nuovo mercato, sulla tendenza degli italiani ad aumentare la loro cultura e il risparmio economico in termini di minori spese per l’energia, studio che copre un periodo di almeno 4-5 anni?
Quali potrebbero essere i risultati?
1)     che le industrie di questo vasto settore si svilupperebbero a tassi di crescita molto elevatii – e diosà quanto c’è bisogno di sviluppo - con incassi crescenti dell’IVA e di altre imposte (IRES, IRAP, ecc.) da parte dello Stato
2)     che gli installatori e l’edilizia ristrutturante aumenterebbero il giro d’affari con risultati analoghi in aumento di gettito fiscale
3)     se l’incentivo diminuisce, non solo diminuisce lo sviluppo del settore, ma gli italiani (almeno le persone fisiche) che cominciano comunque a rendersi conto della convenienza a risparmiare, investirebbero nelle caldaie, nei pannelli solari, nelle ristrutturazioni a questo fine, ma probabilmente troverebbero più conveniente farsi fare dei prezzi scontati pagando in nero gli installatori e le piccole imprese edili che ristrutturano, con conseguente evasioni di imposte
4)    se aumentano le installazioni per il risparmio dell'energia, alla fine dei 4-5 anni (e oltre nel tempo) sicuramente diminuirebbero le richieste di energia, che oggi per l'88% è acquistata all'estero; basterebbe anche qualche punto percentuale in meno per ottenere una diminuzione del passivo della nostra bilancia commerciale con l'estero, per non parlare della diminuita emissione di gas serra, questione sulla quale l'Italia è colpevole di aumento invece della programmata riduzione prevista e firmata a Kioto.
 
Questi calcoli non sono troppo complicati da fare, e probabilmente il risultato sarebbe che i soldi ci sono, però non ho mai sentito dai giornali e da altri media che sia stato fatto questo studio da parte del Ministero dell’Economia, che eventualmente potrebbe avallare le loro decisioni se i risultati non fossero quelli che ho appena delineato. Ma almeno gli italiani potrebbero sapere le ragioni effettive di questa decisione (ragionevole?)
 
Staremo a vedere cosa succede, ma è certo che abbiamo assoluto bisogno del risparmio energetico, anche se il prezzo del petrolio è sceso a 40 $ per tonnellata in questi giorni, perché non ci dobbiamo mai più dimenticare che se aumentiamo la produzione di energia derivante da fonti fossili (carbone, petrolio e gas naturale) si producono, bruciandole, maggiori quantità di gas serra (il gas naturale-metano è in se un gas serra).
Certo è che siamo in mano ad una massa di ignoranti e incompetenti.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 08/12/2008 @ 11:44:43, in C) Commenti e varie, cliccato 568 volte)
LE ONDE DELL’OCEANO
 
E’ da molti giorni che non scrivo un rigo sul sito; la ragione principale è che sono stufo di vivere questo periodo nel quale si sente parlare solo di crisi economica, di discussioni e crisi della magistratura, di improperi e accuse fra politici, ecc., di ingiurie più o meno sottintese.
Perciò ho voglia di cambiare argomento e di pensare un po’ al caldo in questi giorni in cui la temperatura ci fa rabbrividire.
Molti – meno dell’anno passato - potranno andarsene per le feste di fine anno alle Seichelles o ai Carabi o in altri posti nel sud del mondo dove c’è l’estate…così ho pensato di raccontarvi un episodio che fa’ parte della mia vita, il quale appunto si è svolto a 30 gradi all’ombra in un passato ormai lontano.
 
 
 
LE BELLE ONDE DI COPACABANA
 
Molti anni fa quando abitavo in Brasile, a Rio de Janeiro, quasi tutte le domeniche mia moglie ed io andavamo ad una delle molte spiagge, spesso a quella famosa di Copacabana oppure a qualche chilometro fuori città dove non vi era l’affollamento tipico delle giornate di festa e dove l’acqua, e soprattutto la spiaggia, erano più pulite.
Sulle rive dell’Atlantico in Brasile, anche quando il mare è calmo, vi sono le famose onde che fanno la gioia dei surfisti. Alla spiaggia di Copacabana sono meno alte e non vi sono quasi mai correnti, però bisogna stare attenti perché se non sei un buon nuotatore un’onda, alta due o tre metri quando è vicino alla riva, ti può prendere e sbattere sul fondo, perciò devi saperla “infilare”.
E’ pericoloso soprattutto per i bambini che non hanno il permesso di bagnarsi se non insieme ai genitori. Agli inizi del mio soggiorno mi era capitato due volte di salvare un bambino che era stato preso da un’onda ed aveva bevuto tanto da non reagire più. La prima volta eravamo due italiani con amici brasiliani e, dopo averlo raggiunto rapidamente a nuoto (non c’erano bagnini o barche di salvataggio come da noi) ce lo lanciavamo fra un’onda e l’altra che passava sopra la nostra testa tenendolo sempre fuori dell’acqua, mentre ci riavvicinavamo al bagnasciuga.
Però avevo notato una cosa strana e sorprendente: nessuno degli astanti o di quelli che erano già in acqua, compreso la madre, si era lanciato per cercare di salvare il bambino in evidente difficoltà: rimanevano sul bagnasciuga a guardare preoccupati e magari si disperavano, ma non si muovevano..
Quando tutto era finito e l’ambulanza aveva caricato il bambino e la madre, un amico brasiliano della brigata che aveva notato il nostro disappunto, mi aveva spiegato la ragione dell’atteggiamento dei bagnanti.
Mi disse: “In Brasile molti credono che se qualcuno si trova in difficoltà in mare, pensano che ciò dipenda da una “volontà superiore”, e lasciano che il destino faccia il suo corso. Ciò è dovuto alle antiche credenze delle religioni animiste dei vecchi schiavi africani che si sono mescolate a quelle della religione cristiana nel corso di secoli, credenze che si sono radicate nel popolo delle favelas, soprattutto in quello di carnagione scura che, se vi guardate intorno, abbonda dappertutto”.
Una bella domenica di maggio - è la fine dell’estate nell’altro emisfero – ce ne andiamo a cercare come al solito una bella spiaggia fuori Rio a circa 30 chilometri dalla città.
Ci fermiamo sulla strada dove, al di là di una serie di dune, ci appare un’ampia baia con una meravigliosa spiaggia bianca che forma una vera mezzaluna le cui punte estreme distano a occhio e croce almeno tre chilometri. Ogni 100-200 metri c’è un gruppetto di persone, qualche coppia, qualche surfista con le tavole piantate nella sabbia, altri stanno all’ombra delle palme, quindi niente affollamento. C’è anche un gruppo di donne che indossano tutte lunghi vestiti candidi che riconosciamo essere intente a fare un rito di macumba con canti, candele accese, bottiglie di “cashaça” (terribile acquavite di melassa) piantate nella sabbia, e tipici passi ritmati di danza intorno al centro dove è poggiata una statuetta di San Giorgio che uccide il drago.
Ci stendiamo sui nostri grandi teli da mare e dopo un breve periodo di lettura, non resistiamo per il caldo del sole a picco; così sentiamo il bisogno di bagnarci. Questa operazione, normale quando si sta sulla spiaggia in Brasile (alcune signore si bagnano con la bottiglia riempita di acqua di mare) si ripete più volte. Io sono meno resistente e le mie “abluzioni rinfrescanti” sono più frequenti di quelle di mia moglie. Non ricordo il numero di bagnature ma nell’ultima di quella giornata vado in mare e mi spingo un po’ più avanti dove l’acqua mi arriva alla cintola. Improvvisamente un’onda più forte delle altre mi prende e nel riflusso mi trascina dove non tocco più il fondo….ma mi rendo conto che sono già a quasi 50 metri dalla riva. Comincio a nuotare verso terra di buona lena da nuotatore esperto, ma invece di avvicinarmi alla riva, guardando verso le punte estreme della baia vedo che mi allontano verso la linea che le congiunge. Dopo pochi minuti mi rendo conto che sono ormai a circa 300 metri dalla riva nonostante continui a nuotare più velocemente possibile. Qualche onda mi passa sopra la testa e comincio ad essere seriamente stanco. ….e preoccupato.
Mia moglie, alla quale ho fatto dei segnali, pensa subito che io la stia salutando, poi si rende conto che sto scomparendo fra le onde. Capisco che si preoccupa anche lei perché la vedo correre verso un gruppo di persone.
Finalmente scorgo tre surfisti a 50 metri da me che si preparano a prendere l’onda. Gli grido che ho bisogno di aiuto, che si avvicinino per farmi appoggiare alla tavola….ma si degnano solo di uno breve sguardo distratto. Poi la corrente mi fa’ rapidamente allontanare ancora da loro verso il largo.
In quel momento capisco che non ce la farò mai più a tornare a riva e i pensieri si accavallano rapidamente….alla fine concludo che questo è l’ultimo giorno della mia vita e che non vale la pena di fare altro che chiudere gli occhi e aspettare. Mi metto a fare il “morto”, ma l’istinto di sopravvivenza fa sì che per ogni onda che arriva e passa sopra la testa resto in apnea finché non riesco fuori all’aria. Passa ancora qualche minuto e questo tempo mi sembra un’eternità. Poi mi rialzo e cerco di guardare verso riva……le persone sono dei puntini e non riesco più a riconoscere mia moglie; forse ormai sono a più di un chilometro……ma mentre mi giro ancora, vedo che una delle punte estreme della baia si avvicina. Allora riprendo con lena a nuotare e mi rendo conto che la corrente che mi aveva allontanato dal centro della spiaggia a mezzaluna ha girato verso la punta sinistra della baia..…è proprio così, mi sto avvicinando rapidamente alla riva a quasi due chilometri da dove sono entrato in acqua….
E’ fatta, è tutto finito. Mia moglie ha seguito tutto e corre verso di me; io finalmente “tocco terra” e mi metto a correre barcollando anch’io verso di lei; non sento più la stanchezza; mi sembra di essere un ubriaco…..e ci buttiamo uno nelle braccia dell’altro in un silenzioso abbraccio liberatorio.
Sono passati molti anni da quel giorno, era il 1976, ma non potrò mai dimenticare questa straordinaria avventura marina.
Cosa c’è da dire alla fine? Se andate in Brasile ed in altri posti dove il mare è pieno di correnti, state molto attenti, quei mari sono traditori!… La vita è bella, nonostante tutto!
 
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 401 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (31)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (129)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (104)
G) Ricette (8)
H) Rodano (41)
I) Sport e Calcio (14)
L) Zero-carbonio (90)
M) Satira e Umorismo (56)
Zero-carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600