Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
\\ Home Page : Storico : M) Satira e Umorismo (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 30/12/2009 @ 19:08:35, in M) Satira e Umorismo, cliccato 667 volte)
LAVORARE PER GUADAGNARE DI PIU’ !
 
Non sono il redattore di questo testo, ma lo è un autore francese di teatro che si chiama Antoine Rault.
Me lo ha inviato mio nipote Gilles Picard Aprea, naturalmente in francese, ed è tratto dalla sceneggiatura di una commedia intitolata “Diable Rouge” che ha avuto fin dal settembre 2008 (ed ha tuttora) molto successo in numerosi teatri dei nostri cugini transalpini.
Pensando che non tutti i lettori di questo sito conoscano bene il francese, ho pensato di metterlo a disposizione di tutti nella nostra lingua, traducendo il testo che mi ha mandato mio nipote, proprio perché i concetti sono applicabili anche in Italia.
La commedia parla del Cardinale Mazzarino (il diavolo rosso) che è stato incaricato dalla regina madre Anna d’Austria di provvedere all’educazione del giovanissimo Luigi XIV, che sarà il famoso Re Sole. La scena è quella di una conversazione fra Mazzarino e Colbert[1]  a proposito di come si possono ottenere maggiori introiti per le finanze di stato
Ed ecco la traduzione letterale del messaggio ricevuto
 
“Lavorare di più per guadagnare di più…???
 
Basta cambiare i nomi e fare un salto di quattro secoli, così costaterete che niente è cambiato….!
 
Come creare delle nuove imposte ?
 
>>>> 
Colbert : Per trovare nuovo denaro, arriva il momento nel quale non è più sufficiente cincischiare. Io vorrei che il Signor Superintendente (all’epoca, l’Amministratore Generale delle Finanze; ndt) mi spieghi come si può concepire l’aumento della spesa quando si è indebitati fino al collo…
Mazzarino : Quando si è un semplice mortale, certamente no, e si è soffocati dai debiti, si va in prigione. Ma lo Stato? Lo Stato, lui è differente…non si può sbattere lo Stato in prigione. Allora si continua ad aumentare il debito. Tutti gli Stati lo fanno.
Colbert : Ah si? Voi lo credete? Eppure ci serve del denaro. E come lo si può trovare quando abbiamo già creato tutte le imposte immaginabili?
Mazzarino : Ne creiamo di nuove
Colbert : Non possiamo tassare i poveri più di quanto lo siano già…
Mazzarino : Si, è impossibile
Colbert : Allora, i ricchi?
Mazzarino : Tanto meno i ricchi. Non spenderebbero più. Un ricco che spende fa vivere delle centinaia di poveri!
Collbert : Allora, come si fa?
Mazzarino : Colbert, tu ragioni come un formaggio! (in questo caso è inteso come un citrullo; ndt) Non ci sono forse quantità di persone che stanno fra i due, né poveri, né ricchi? Sono i francesi che lavorano, sognando di essere ricchi e avendo paura di diventare poveri! Sono loro quelli che dobbiamo tassare, ancora di più, sempre di più! Quelli, più tu gli prendi, più lavorano per compensare, vero? E’ un serbatoio inesauribile….”
 
Colgo l’occasione per augurare indistintamente a tutti i miei lettori, i migliori auguri per un ottimo 2010: che sia pieno di serenità perché, se stai bene, sei sereno, se quelli che ti sono vicini e i tuoi amici stanno bene, sei sereno; se non hai problemi finanziari, sei sereno, se i tuoi rapporti con le persone che ti circondano sono buoni, sei sereno…e chi più ne ha, di serenità, meglio è!


[1] Raccomandato da Mazzarino a Luigi XIV, di cui è stato l’uomo di fiducia, contribuì alla caduta di Fouquet e fu nominato Controllore Generale delle Finanze; divenne uno dei più importanti ministri francesi dell’epoca
 
Di Gennaro Aprea (del 28/12/2009 @ 16:39:31, in M) Satira e Umorismo, cliccato 463 volte)
PENSIERINO SU UNO SLOGAN FAMOSO
 
Qualche giorno prima di Natale ho scritto una breve considerazione sul bellissimo Concerto di Natale al Senato che abbiamo visto e sentito in Eurovisione, ed ho magnificato il clima disteso di quell’evento.
Oggi ho letto un interessante articolo di Ilvo Diamanti sulla popolarità – in ascesa - del nostro Presidente del Consiglio dei Ministri e mi è tornata in mente la mia scherzosa conclusione del 21 dicembre: “meno male che Silvio non c’è”.
Questa volta però si tratta di un esame semantico dello slogan, cioè di una riflessione sul significato delle parole.
Giusto per fare un esempio semplicissimo, quando un bambino piccolo cade e si fa’ male ad un ginocchio, piange a dirotto e si precipita dalla mamma chiedendo aiuto e salvezza. L’affettuosa reazione della madre che gli fa’ un massaggio sulla parte dolorante e lo consola dandogli bacini lo tranquillizza un po’….poi la mamma gli chiede : “ come va? è passata la bua? Ti fa’ meno male? Il bambino comincia a calmarsi e, ancora con le lacrime agli occhi dice : “si, mi fa’ meno male…. ma ancora mi fa’ male…”
Allora, dire “meno male “ significa, salvo errore, che il male comunque c’è ed è solamente un po’ di meno. Tutti quei bambinoni che adorano Silvio, dunque, si rendono conto che lui è meno male di tutti gli altri, un po’ come quando il toscanaccio Montanelli diceva agli italiani; “votate DC turandovi il naso”.
Perché allora non hanno creato lo slogan: “per fortuna che Silvio c’è”? forse perché riconoscono che in fondo anche lui è “male” come tutti gli altri? solo un po’ di meno probabilmente. Voi che ne dite?
 
Di Gennaro Aprea (del 21/11/2009 @ 19:19:41, in M) Satira e Umorismo, cliccato 589 volte)
VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE DEL VIRUS H1N1 (ovvero “ influenza suina” ovvero “A”)
 
Micia
 
Ieri pomeriggio, mentre ero solo in casa e immerso nella lettura, è suonato il campanello.
Ho chiesto chi era nel citofono e una voce simpatica mi ha detto: “ho dato una scorsa al suo sito ed ho letto che lei faceva il consulente; avrei appunto bisogno di un consiglio sulla vaccinazione antinfluenzale”. Ho risposto: “ma lei chi è… e che tipo di consiglio desidera?”, poi sono uscito un po’ sospettoso e mi sono avvicinato al cancello senza ancora aprirlo….non si sa mai….
L’ho squadrato attentamente e gli ho detto: “io non sono laureato in medicina, quindi quale consiglio posso darle sulla vaccinazione?
La risposta pronta è stata: “come forse avrà notato, c’è una pubblicità di Topo gigio in televisione che detta consigli sul da farsi….”
“bene, e allora? …non mi ha lasciato continuare, ed ha continuato: “si proprio per questo mi sono permesso di disturbarla, lei è un esperto di marketing, quindi anche di comunicazione di marketing, cioè di pubblicità; quella pubblicità mi ha fatto venire forti dubbi. Se ricorda lo spot, il topino dice che tutti i malati di diabete, di tumore di affezioni cardio-circolatorie, ecc. devono fare questa vaccinazione; gli anziani in buona salute non devono farla mentre devono sottoporsi a quella dell’influenza stagionale. I giovani fino a 27 anni invece devono farla. Ed ecco il punto: io compirò i miei 27 anni domani 21 novembre. Oggi è venerdì ed è troppo tardi per andare in un ambulatorio o all’ospedale; domani sabato sono chiusi e domenica pure. Quindi lunedì avrò più di 27 anni…..allora la devo fare o no questa vaccinazione?”
Nel frattempo avevo aperto i cancelletto perché il ragazzo mi aveva ispirato fiducia, che infatti era ben riposta, cioè non mi è saltato addosso per rapinarmi. Ho replicato immediatamente: “mi lasci pensare un momento…..bene! attenda qualche minuto (non dico mai “un attimo”) che chiamo la mia gatta che è una vera vagabonda e non sempre è disponibile…”
Il simpatico ragazzo ha mostrato giustamente una faccia incuriosita per la mia frase ma            ha atteso pazientemente. Io mi sono messo subito a chiamare: “micia, micia…micia….” questa volta non si è fatta attendere troppo ed è avanzata trotterellando col suo fare un po’ annoiato.
Appena è arrivata, l’ho presa in braccio mentre Giorgio (si era presentato un attimo prima) diceva: “che bella! sembra proprio una pantera nera col pelo lungo…”
Io ho raccontato immediatamente alla nostra gatta il dubbio di Giorgio. Lei ci ha pensato qualche secondo di troppo, poi ha esclamato con un lungo miagolio:
“maaaaa…mèèèèèè…loooo…..maaaaaa…..gnooooooooo………” Chi?” ho detto io;
“maaaaaa…..tooooo……poooooo………giiiiiii……..gioooooooo! sceeeee…….mooooooo.
A questa pesante offesa mi sono svegliato e accorto che Giorgio non c’era più.
Ma guarda che cose mi vanno a capitare quando dormo poche ore di notte!
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 217 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (31)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (129)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (104)
G) Ricette (8)
H) Rodano (41)
I) Sport e Calcio (14)
L) Zero-carbonio (90)
M) Satira e Umorismo (57)
Zero-carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600