Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 22/01/2009 @ 06:55:52, in C) Commenti e varie, cliccato 632 volte)
EDITORIALE
 
E’ un po’ di giorni che non scrivo un rigo e mi sento in colpa. Soprattutto con me stesso. Però sono parzialmente giustificato perché il 3 gennaio sono partito con mia moglie per la Russia dove ho visitato Mosca e San Pietroburgo con molta soddisfazione di cui scriverò qualcosa appena mi è possibile. Al ritorno, dopo 9 giorni, sono stato “ciapà” (presissimo) con gli impegni teatrali per la compagnia “Gli scombinati” di cui ho scritto in passato qualcosa su questo sito; infine sto preparando una conferenza che si intitola “Energia e ambiente – ci sono soluzioni?” che presenterò a fine febbraio e sulla quale sto lavorando da più di un mese perché il contenuto è vasto ed impegnativo, ma è obbligatoria una presentazione completa ma breve e scintillante altrimenti l’uditorio si addormenta o si annoia.
Mi direte: ma cosa importa a noi lettori ciò che stai facendo, la tua vita privata, ecc.? bene, come ho accennato, cerco di giustificare per la mia assenza dal sito per 3 settimane.
 
E ora vi dirò alcuni miei pensieri. Dopo il precedente articolo del mio sogno sulle ragioni delle guerre, sono felice che finalmente palestinesi ed israeliani hanno smesso di battagliare e di scambiarsi missili, ma resta il fatto che ci sono più di 1350 morti in campo palestinese di cui 4-500 bambini (ma i morti potrebbero essere molti di più perché ogni giorno ne trovano decine sotto le macerie che stanno rimovendo) e più di 5000 feriti….per non parlare delle condizioni di vita in cui sono ridotti gli abitanti di Gaza. In campo israeliano i media non dicono più quanti siano i loro morti e feriti, ma penso che siano rimasti a non più di 20 in tutto: no comment!
Gli israeliani hanno detto di essere soddisfatti perché “hanno raggiunto il loro scopo”. Quale sia lo scopo non è stato precisato, ma si può supporre a prima vista che sia stato quello di far fuori tutti i capi e i guerriglieri di Hamas, di distruggere gli armamenti dell’avversario e di liberare il caporale del loro esercito rapito un paio di anni fa. A me pare che nessuno dei tre “goals” sia stato raggiunto, salvo un altro – come penso io – cioè quello di svuotare i magazzini di armamenti e di fare un po’ di marketing per le prossime elezioni di febbraio. Dall’altra parte i palestinesi estremisti di Hamas affermano di aver vinto la guerra – a me non pare – ma hanno raggiunto anche loro lo scopo di svuotare i loro magazzini di armamenti e ottenere, a costo di troppe vite umane, gli aiuti umanitari che nessuno gli voleva dare prima. Ergo: ambedue i contendenti hanno deciso di fare la “tregua unilaterale”.
Adesso poi c’è il piano Marshall di Berlusconi, il cui governo nella finanziaria ha tagliato abbondantemente i finanziamenti previsti per “aiuti all’estero”. Deve essere diventato il mago Merlino (era lui?) che trasformava in oro un metallo volgare!
A proposito di Berlusconi, l’altro ieri ho sentito gli “auguri” che ha fatto al nuovo Presidente degli Stati Uniti. Sono rimasto esterrefatto più di quanto non lo sia stato il nostro Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla notizia che Lula, Presidente brasiliano, ha negato l’estradizione per Battisti, 4 volte assassino. Ebbene, delle due l’una: o Berlusconi non sa l’italiano (ma non mi meraviglio troppo perché troppi politici italiani di ogni parte sono, a dir poco, ignoranti della nostra lingua) oppure non si rende conto di ciò che dice perché è andato fuori di testa.
Non si può fare “…gli auguri più sinceri affinché Obama sia all’altezza del compito che si è prefisso…” (doveva al massimo dire : “… affinché possa riuscire a realizzare ciò che si è prefisso”). Ma forse lo prende per un poveretto ignorante e impreparato, e glielo sputa in faccia? Proprio lui che non è all’altezza del compito che gli hanno dato gli elettori italiani, che di politica economica nazionale sa poco e che si vanta di essere un imprenditore non politico. Lui che non viene preso in considerazione dai suoi colleghi di altre nazioni ( fra l’altro non è stato incluso fra i 50 più importanti personaggi del mondo, contrariamente a numerosi governanti di altri stati che conosciamo bene) i quali lo ricordano che fà corna in fotografia, per gli insulti ad un parlamentare tedesco chiamato “kapò”, per le barzellette cretine, per i baci a Bush, ecc. ecc.
Poveri noi, ancora per quanto tempo dovremo sopportare questo uomo piccino e mediocrissimo?…e che pretende anche di candidarsi alla presidenza della Repubblica?
Oh, finalmente mi sono sfogato!
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 31/12/2008 @ 14:57:27, in D) Guerre, cliccato 689 volte)
CONTINUA IL BRUTTO VIZIO DI SOGNARE COSE ASSURDE…
 
In questi ultimi giorni sono rimasto tristemente impressionato, come tutti, dai terribili avvenimenti del Vicino Oriente: la decisione di Hamas di interrompere la tregua, quella di Israele di punire i Palestinesi con una reazione che ritengo assurda. Risultato, centinaia di morti a Gaza, soldati e obiettivi militari, ma anche civili e molti bambini.
Così la notte scorsa, l’ultima prima di quella di fine anno, ho sognato più o meno confusamente queste cose e mi sono svegliato più volte per gli incubi che si accavallavano; però ogni volta il sogno continuava dopo essermi riaddormentato, e cercherò di raccontarlo.
C’erano due persone che mi accompagnavano a vedere le distruzioni, i feriti, gli ospedali pieni, le barelle fatte con mezzi di fortuna, alcune con persone che non si muovevano e non si lamentavano più……erano due politici italiani, l’attuale Ministro degli Esteri Frattini ed il suo omologo del governo ombra all’opposizione Fassino.
Ambedue cercavano di spiegarmi le ragioni di questa carneficina. Da buoni ed esperti politici mi raccontavano che le elezioni in Palestina ed Israele sono imminenti, che Olmert e Livni dovevano mostrare il pugno duro di fronte all’opposizione che rischia di avere più consensi del loro partito…che la stessa cosa vale per Hamas che vuole far leva sui palestinesi più poveri per dimostrare che sono i loro “difensori”, tutte cose sentite sulla stampa, TV , radio di tutto il mondo con prese di posizione in favore o contrarie dell’una e dell’altra parte negli USA, in Europa, sui media dei paesi Arabi (al Jazira e simili) ecc.
Dopo uno dei risvegli e nella successiva ricaduta nel sonno agitato, i due amici politici mi hanno invitato ad andare al cinema; così mi sono detto che forse era meglio cambiare argomento perché ne avevo di troppo di scene orribili. Davano un vecchio film del 1974 ed il titolo era “Finché c’è guerra c’è speranza” il cui personaggio principale era Alberto Sordi, soprannominato “il mercante della morte”.
Devo dire che ci siamo fatti molte risate ma alla fine ci è rimasto l’amaro in bocca. Appena ci siamo alzati per uscire ci è venuto incontro una maschera del cinema, vestito da maggiordomo, il quale ci ha porto un biglietto da visita con su scritto “Alberto Sordi, Salesman – Galleria del Corso, Roma. Ed un invito, scritto di suo pugno “Vi aspetto in camerino”. Per nulla meravigliati, ci siamo avviati accompagnati dal maggiordomo, che ci ha introdotto senza mancare di augurarci un cordiale “buon anno!”.
Appena entrati, l’Albertone ci ha fatto un gran sorriso e ci ha offerto subito un bicchiere di spumante Ferrari, “in ricordo – ha detto - del grande Enzo”. Poi ci ha fatto accomodare sul divano, ha finito di togliersi il trucco rapidamente e ci ha raggiunto accomodandosi sulla poltrona.
“Vi ho convocato qui, cari amici perché ho sentito dall’alto le vostre conversazioni ed i commenti che avete fatto sugli avvenimenti del Vicino Oriente. Ecco, io vorrei aggiungere qualcosa perché mi sono sentito coinvolto e non posso fare a meno di mettervi al corrente di quanto succede…e mi è successo.
“Ebbene, i miei amici americani, russi, cinesi, inglesi, tedeschi, e alcuni altri, compresi gli italiani, mi hanno convocato poco prima di Natale e detto subito, senza inutili preamboli: “Siamo molto preoccupati per la crisi economica mondiale, i consumatori hanno diminuito i loro acquisti e dobbiamo risolvere la situazione: lei è un ottimo venditore ma vogliamo facilitarle il compito: su tutti gli articoli concediamo il 50% di sconto sui prodotti con scadenza a breve termine ed il 40% su tutti gli altri. Quindi si affretti e vada al più presto possibile da tutti gli ottimi clienti che lei ci ha procurato finora, e se ne trova altri meglio ancora!”
“Così mi sono affrettato ed ho preso immediatamente contatto, proprio in vista delle elezioni previste nel Vicino Oriente, con i responsabili degli acquisti della Siria, Iran, Egitto, Israele, Sudan, ma anche Hamas e Abu Mazen, e ho chiesto loro a che punto erano con il consumo di armamenti e munizioni.
In effetti, mi hanno risposto con dettagli di particolari, i magazzini sono pieni e non possiamo comprare altre cose anche perché i nostri amici finanziatori hanno mostrato il braccio corto nell’ultimo periodo.
Ma quando gli ho parlato degli sconti offerti dai produttori, non hanno posto tempo in mezzo: “Organizziamo subito delle offerte speciali per le feste di fine anno - paghi 1 e prendi 3” più un concorso con i bollini che offre grandi premi”
“Il più organizzato e pronto – ha continuato il grande salesman - è stato Hamas che, grazie alla collaborazione egiziana, di Ahmadinejad e dei siriani, ha scavato altri cunicoli per far passare i prodotti dall’Egitto verso Gaza. Ma gli israeliani non si sono fatti battere sul tempo. I loro magazzini erano extra pieni ed hanno risposto con grande prontezza e, devo dire, con una notevole dose di megalomania…..ecco, quindi, quali sono le ragioni principali di queste “feste” di fine anno; mi dispiace per i bambini, ma io devo pur vivere perché .…tengo famiglia….”
Poi si è messo a ridere, e con lui anche Fassino e Frattini, così fragorosamente che mi sono svegliato incazzato come non mai, anche perché erano ormai le 8 passate ed ero in ritardo per i miei impegni culinari di fine anno.
Sogni assurdi… ma sarà proprio così?
PS per tutti i miei lettori - che il 2009 sia per voi pieno di serenità
       (se stai bene in salute, sei sereno/a
        se i tuoi cari stanno bene sei serena/o       
        se i tuoi introiti economici sono buoni, sei sereno/a
        se tutti ti vogliono bene e tu vuoi bene a tutti, sei serena/o
        se infine ci sono meno guerre e più pace nel mondo, sei sereno/a)
      
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 28/12/2008 @ 16:34:57, in A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc., cliccato 1001 volte)
 
DOMANDE INGENUE SU PILLOLE DI CAPITALISMO
1) La carta-casa
 
Qualche giorno fa, come spesso succede, sono andato con mia moglie al supermercato per far la spesa e, fra gli altri prodotti, abbiamo acquistato la carta casa, bene ormai indispensabile in ogni cucina: per fortuna quasi sempre è fatta di carta riciclata. Prendendo il pacco dallo scaffale non abbiamo fatto caso al colore che normalmente rallegra i fogli del rotolo.
Sorpresa! Aprendo il rotolo ci siamo accorti che i disegnini colorati erano pura pubblicità:
Sul primo rotolo la promozione era per una famosa società produttrice di salumi ed ogni foglio metteva in evidenza ciascun prodotto che l’azienda mette sul mercato, salami di vario tipo, prosciutto cotto e crudo, zamponi ed affini, ecc.
Sul secondo rotolo si trattava di un grande fabbricante di prodotti da forno, con varie confezioni di biscotti, ma anche dolci, torte, panettoni, fette biscottate, ecc.
Il terzo invece era di una famosissima casa di prodotti dolciari per bambini, ma anche per grandi; non vi sto a dire chi è perché l’avete già indovinato. Ma in questo rotolo la pubblicità era estesa anche a tutti i regali (non dolciari) che costituiscono i premi per la collezione delle etichette e simili: vi assicuro che sono tantissimi.
 
Abbiamo guardato il prezzo della confezione di rotoli di carta-casa dello scorso 15 dicembre (€ 1.69) e notato che la differenza di prezzo con quella senza pubblicità del giugno 2008 è minima, cioè ridicola (€ 0.20) perché il prezzo della scorsa estate era 1.89€.
DOMANDA INGENUA: Dato che le aziende pubblicizzate sicuramente pagano fior di quattrini per essere promosse in maniera così penetrante nei confronti del consumatore, non dovrebbe forse il supermercato ottenere queste confezioni quasi gratuitamente e quindi far arrivare al cliente finale senza alcun costo o quasi, salvo unicamente quello della logistica del supermercato?
Bah! Ogni trovata è buona per guadagnare di più senza alcun beneficio per noi poveri tapini.
D’altra parte siamo anche un po’ scemi perché spesso facciamo gratis pubblicità alle grandi “griffe” mostrando il loro nome e marchio in buona evidenza sugli indumenti che indossiamo, i quali dovrebbero essere acquistati perché sono belli, non per far vedere agli altri il nome dello stilista e dimostrare che siamo ricchi….forse lo saremmo se ci pagassero per farlo!
Che ne dite?
 
 
2) Perché le società petrolifere sono sottovalutate in Borsa?
 
Quasi tutte le società energetiche quotate alla borsa di Milano hanno perso quest’anno una gran parte della loro capitalizzazione, cioè il loro valore, specialmente ENI e simili. Chi ha investito nelle loro azioni ha la faccia "appisa", come si dice in napoletano, cioè molto triste. 
Bene, da quando le quotazioni del petrolio avevano quasi raggiunto 150 dollari americani per barile ad oggi, cioè meno di 40 dollari, i prodotti derivati, e per primi la benzina ed il gasolio, sono diminuiti di una percentuale estremamente inferiore.
Salvo errore, ciò significa che le società energetiche hanno guadagnato e continuano a guadagnare un “fracco” di soldi.
DOMANDA INGENUA: perché le loro quotazioni continuano ad essere basse e spesso a perdere punti in Borsa? Mi sembra che alti dividendi facciano di solito salire le quotazioni, o no?
Misteri della Borsa!….oppure c’è qualcosa sotto?
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 535 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (31)
B) Belle Immagini (3)
C) Commenti e varie (130)
D) Guerre (11)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (105)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (14)
L) Zero-carbonio (90)
M) Satira e Umorismo (59)
Zero-carbonio (1)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600