Omografi? Contatti
Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Gennaro Aprea (del 19/05/2011 @ 16:41:33, in L) Zero-carbonio, cliccato 594 volte)
CONSUMATORI E RISPARMIO ENERGETICO
(ancora una delusione!)
 
Qualche giorno fa ho ricevuto, come sempre, un invito dalla Camera di Commercio, Industria, Agricoltura, Artigianato di Milano per un convegno il cui titolo è lo stesso di questo articolo.
La cosa mi è sembrata molto interessante e non me la sono lasciata scappare, quindi ieri mattina mi sono alzato presto per essere alle 9 in centro Milano.
I relatori erano 8 ed i loro titoli e posizioni rendevano l’incontro ancora più attraente: senza dubbio la CCIAA raduna sempre validi esperti.
E così è stato, hanno parlato due consiglieri della Camera, molto bravi a puntualizzare alcuni “difetti” di leggi e regolamenti, la responsabile del Servizio Territorio e Ambiente della CCIAA, una ottima dirigente dell’Adiconsum che ha elencato tutto ciò che di buono ha fatto la sua associazione dei consumatori specialmente - ma non solo – nelle scuole elementari, la responsabile del progetto CENED Edilizia Sostenibile sulla Certificazione energetica degli edifici, il Vice Direttore Nazionale di Legambiente, il rappresentante dell’Assimpredil-ANCE ed infine il Presidente dell’Assopetroli per la Lombardia che ha descritto il “Contratto servizio energia”, utilissimo per ottenere un ottimo riscaldamento degli ambienti e dell’acqua sanitaria spendendo di meno. Da notare: non si parlava di risparmio e utilità per le imprese, ma di condomini, di bambini che devono imparare e trasmettere ai genitori l’importanza del risparmio energetico e della diminuzione dell'inquinamento atmosferico, ecc.; insomma di famiglie.
Perché vi ho fatto questo lungo elenco? perché risulta evidente che quegli argomenti siano di interesse generale, cioè di tutti i cittadini.
Ed ecco spiegato il sottotitolo. Non ci crederete, ma gli ascoltatori erano 22 (dico ventidue) ai quali si aggiungevano qualche volta un paio di relatori che si mettevano ad ascoltare i colleghi dalla platea[1]..
Insomma un convegno indirizzato proprio ai consumatori, cioè a noi cittadini, ha richiamato solo poche persone fra i quali vi erano un paio di giornalisti. Per altri impegni ed il ritardo sulla tabella di marcia – come al solito in Italia – ho dovuto lasciare alla fine senza assistere al “dibattito e conclusioni”. Mi sarebbe piaciuto sentire se le domande provenivano da “consumatori” o altri esperti (come penso fossero), ai quali piace parlarsi addosso.
Perché succede tutto questo?
La prima ragione è che la gente non è ben informata e la comunicazione della CCIAA è troppo limitata; la seconda è che la confusione su questi argomenti è talmente alta nell’uomo della strada, che ha deciso di non informarsi più ed ha messo da parte questi temi che invece sono importanti per lui stesso.
Quindi a convegni di questo genere dovrebbero partecipare centinaia se non migliaia di consumatori.


[1] Vedi anche “Verde in città” del 25 marzo 2011 nella stessa Sezione “Zero Carbonio”
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 13/05/2011 @ 17:25:54, in M) Satira e Umorismo, cliccato 520 volte)
I PINOCCHI DEL XXI SECOLO
 
Se Collodi fosse arrivato a vivere fino ai nostri giorni, avrebbe sicuramente creato alcuni “sequel” al suo spettacoloso “Le avventure di Pinocchio”.
Il burattino impersona, come tutti sanno, un bambino che non cresce mai, un po’ ingenuo, un po’ farabuttello, che si pente delle mascalzonate e poi le ripete, che non ascolta i consigli dei saggi e soprattutto non resiste a dire bugie. Cosicché gli cresce un naso lungo, stralungo.
Di personaggi del genere, anche più cresciuti, ai quali ispirarsi, il nostro Carlo ne avrebbe avuti tantissimi.
Fra questi, negli ultimi giorni ne ho visti e sentiti un paio che mi hanno fatto impressione per la faccia tosta (o di bronzo, o di altri materiali….) con cui sono capaci di dire bugie in tempo di elezioni.
Il primo è il Sindaco di Milano che, di fronte a migliaia di spettatori presenti e a casa ad un’emissione della Sky TV, ha affermato che il suo concorrente sindaco Pisapia alle elezioni di Milano di domenica e lunedì prossimo, era stato “amnistiato” circa 30 anni fa dal reato penale di furto di un auto, mentre la realtà-verità è che era stato assolto “per non aver commesso il fatto”
Il secondo è “l’Amor loro”, come lo chiama Eugenio Scalfari, cioè il Presidente del Consiglio dei Ministri che ha affermato che i governi di sinistra, quando erano al potere, hanno aumentato le tasse e le spese dello stato; invece i suoi governi no. Questa è la più grossa bugia che una persona che ricopre la sua posizione potesse dire. Non vi sto a dare le cifre: basta informarsi sui dati ufficiali dell’Istituto di Statistica, reperibili su Internet e sulle pubblicazioni cartacee dell’Istituto, e fare la comparazione.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 
Di Gennaro Aprea (del 13/05/2011 @ 16:32:28, in A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc., cliccato 606 volte)
LA PASTIERA
 
Anche questa volta parlo di qualcosa che mi è successa ma che penso sia utile far sapere ai miei lettori.
Come forse ricordate, una delle mie passioni è quella di cucinare, così ogni anno per Pasqua preparo un certo numero di pastiere, il dolce tipico napoletano la cui ricetta originale rimonta alla Magna Grecia; in questo periodo i greci che avevano colonizzato numerose coste (Nea Polis) ed isole del nostro sud Italia, preparavano il dolce per la festa della primavera.
Molti amici e parenti ormai da molti anni sono abituati a ricevere una pastiera da me, così anche quest’anno mi sono messo al tavolo per prepararne 8.
Una di queste, come sempre, parte per Londra dove un amico fraterno, napoletano come me, la riceve in quella occasione.
Non ho potuto prepararle prima del venerdì così solo sabato mattina presto sono andato alla Posta per spedirla con procedura d’urgenza.
Appena arrivato l’impiegato addetto mi avvisa che “la direzione ha deciso, a partire da quest’anno che i pacchi consegnati il sabato mattina non partono prima del lunedì…..e lunedì dopo Pasqua è il 25 aprile, Festa della Liberazione, quindi non partirà prima di martedì” . Ma non basta: il costo della spedizione, già abbastanza alto, è aumentato dell’8%.
Per fortuna la pastiera è un dolce che dura almeno 15 giorni fuori dal frigorifero senza assolutamente guastarsi, quindi il mio amico ha ricevuto il pacchetto il giovedì e l’unico difetto è stato che la Pasqua era già passata da qualche giorno..…però è stata apprezzata da più persone. Se fosse partita sabato, sarebbe arrivata lunedì di Pasquetta che in Gran Bretagna non è festivo
Prima di scrivere questa nota mi sono informato cosa succede in altri tre paesi:
-          Gran Bretagna, nessuna partenza il sabato:le poste italiane lo hanno saputo e si sono adeguate ma hanno aumentato il costo
-          Germania, i pacchetti partono il sabato stesso se consegnati entro le 11
-          Francia, i pacchetti partono il giorno stesso se consegnati entro le 10
Commenti: fateli voi stessi.
Articolo Leggi l'articolo   Storico Elenco Storico Articoli  Stampa Stampa
 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 129 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (32)
B) Belle Immagini (4)
C) Commenti e varie (143)
COMMENTI E VARIE (2)
D) Guerre (12)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (108)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (16)
L) Zero-carbonio (97)
M) Satira e Umorismo (64)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< settembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600