Omografi? Contatti
Il Blog di Gennaro Aprea: commenti sulle notizie, pensieri e idee dell'autore.

 

Questa è la pagina che si svilupperà di più divenendo simile ad un blog. E diventerà una serie di pagine e di articoli.

 

Scriverò di tutto su tutto, cose importanti e cose futili e banali, su alcuni punti mi attirerò gli improperi di molte persone che la pensano all’opposto di me; queste molte persone in alcuni casi, per esempio il calcio, sono la maggioranza degli italiani.

 

Le critiche saranno tutte ben gradite ma non vorrei che le discussioni divenissero uno scambio di parolacce, come purtroppo succede spesso in Italia, anche, e soprattutto ahimè, in televisione. Mi ritengo una persona civile quindi non intavolerò alcuno scambio di idee con quel tipo di persone che parlano male ed "ipocritamente in televisione le loro parole sono coperte da fischietti vari". Alcune volte una parolaccia ci può anche stare, ma non deve diventare un intercalare abituale ed essere usata con l’unico intento di offendere.

 

Sono un puritano e conservatore? Non mi considero tale nonostante quanto ho appena detto, anzi…...

 

Home Page - Il Blog: discussioni, articoli, pensieri e scambio di idee
\\ Home Page
 
Di Gennaro Aprea (del 11/12/2022 @ 17:00:57, in D) Guerre, cliccato 13 volte)

E' GIUNTA L'ORA DI UNA PACE GIUSTA PER L'UCRAINA !

E PERCHE' NO UN REFERENDUM ?

 

E' Tajani, nostro  Ministro degli Esteri che ha pronunciato la frase apparsa della prima riga dei titoli su molti quotidiani in dicembre scorso. In quei giorni si tornava a parlare di pace in quel disgraziato Paese. 

I grandi personaggi americani ed europei avevano organizzato per  il 13 dicembre una "Conferenza (ennesimo incontro) a Parigi sul conflitto in Ucraina per risolvere la situazione. Insomma questi grandi ed importanti personaggi sembra che si divertano a incontrarsi (spendendo un sacco di soldi) senza finora aver risolto il PROBLEMA. 

 

Io, nella mia ingenuità, di fronte a questo ennesimo tentativo ad altissimo livello, mi sono sempre chiesto: ma PERCHE' MAI NON SI TENTA DI SAPERE DAGLI ABITANTI DELLA ZONA DELL'UCRAINA  CHE IL 24 FEBBRAIO E' STATA INVASA  ED OCCUPATA DAI RUSSI,  COSA VOGLIONO  LORO STESSI : stare con la Russia o si sentono ucraini e vorrebbero essere riuniti come erano prima dell'occupazione russa, Crimea compresa? 

 

Cosa si potrebbe fare? Io ritengo che l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, organo deliberativo e rappresentativo di tutti i 193 Stati membri, potrebbe organizzare un referendum i cui votanti dovrebbero essere:

1) i cittadini ucraini residenti nelle zone occupate dai russi

2) quelli fuggiti (con la dimostrazione della loro residenza prima del 24 febbraio, le cui modalità  dovrebbero essere definite al meglio).

Referendum organizzato e gestito in loco unicamente da uno speciale Consiglio direttivo nominato ad hoc dall'Assemblea e dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU. In questo Consiglio non dovrebbero far parte consiglieri russi ed ucraini.

Nessuno ci ha mai pensato? oppure vi sono altre ragioni sotto il livello della superficie degli alti politici mondiali che non vuole essere esautorato?

Certamente la mia proposta dovrebbe essere ottimizzata perché non sono un giurista che conosce tutte le regole dell'ONU.

Se vi interessa discuterne, perché non scrivete all'indirizzo "gennaro.aprea.5@alice.it" ?  (non uso volutamente i social fra cui Facebook). 

 

Grazie per l'attenzione.

 
Di Gennaro Aprea (del 18/10/2022 @ 15:28:15, in L) Zero-carbonio, cliccato 31 volte)

PERICOLOSITA'  DEI  GAS 

In questo periodo riceviamo numerose cattive notizie su incendi e scoppi derivanti da varie fonti, per lo più i gas. In allegato vi è una tabella ricavata da una pagina di una copia della mia tesi di laurea discussa nel febbraio 56 nella quale si vedono le percentuali di ciascun gas che, in miscela con l'aria, può solo bruciare o scoppiare.

Come vedete c'è il "gas di città" che non è più usato ed è stato sostituito dal metano. L'ossido di carbonio è più del 90% della miscela di gas che si forma nelle miniere. Recentemente ha provocato numerosi incendi ed esplosioni con molti morti.

Infine, nonostante i miei numerosi messaggi del passato a vari giornalisti che hanno raccontato che "è scoppiata una bombola" oppure un "serbatoio" devo ripetere che questi contenitori non possono scoppiare perché contengono unicamente gas e non aria. Quindi lo scoppio è solo quello del gas fuoriuscito dal tubo di gomma, difetto del regolatore (GPL) e/o altre connessioni; e perfino del contenitore rotto per qualsiasi ragione. Il gas fuoriuscito, miscellandosi con l'aria esterna, crea le percentuali causa di incendio e/o scoppio. Essi sono causati dalla presenza di una sigaretta accesa e perfino dalla scintilla di un interruttore della luce. Per fortuna tutti i gas sono odorizzati in maniera di poterne avvertire subito la presenza; quindi non entrate mai in cucina con la sigaretta accesa e comunque, se entrando avvertite odore di gas, anche se siete al buio, aprite immediatamente porte e finestre, anche se all'esterno la temperatura è -10° C.

In conclusione vi consiglio di prestare il massimo d'attenzione se usate qualsiasi gas, a casa, in auto cucina o stufa, ecc. Io ho eliminato ogni gas dalla cucina, ed uso solo elettricità.

Resto a disposizione per chiarimenti, ove necessario.

 
Di Gennaro Aprea (del 10/10/2022 @ 10:09:08, in F) Questa è l'Italia, cliccato 35 volte)

META' ITALIA SENZA RAPPRESENTANZA

 

Questo è il titolo di un articolo di Massimo Cacciari apparso nella sua rubrica "Parole nel vuoto" sull'ultima pagina de L'Espresso del 2 ottobre.

Mi ha fatto impressione perché nel pensiero del 30 agosto sul mio sito (www.gennaro-aprea.it) intitolato "I politici italiani" criticavo il fatto che ben 98 candidati si erano presentati alle elezioni. Realtà che conferma questa mancanza.

 

Infatti l risultato delle elezioni evidenzia la mancanza di una chiara rappresentazione degli elettori (importante che siano ulteriormente diminuiti nell'affluenza). E la maggior parte dei commenti sulla stampa conferma che molti votanti sono stati talmente confusi da divertirsi a proporre "qualcosa di nuovo", oppure "mi piace", ecc.

 

Così mi permetto di suggerire - finora non mi risulta che qualcuno l'abbia finora proposto - che è assolutamente necessario cambiare la legge elettorale prendendo lo spunto da quella tedesca e di altri importanti Paesi, e così fissando la nuova legge in una proporzionale con l'eliminazione dei "partiti" che non superano il 5% (direi anche il 6%). Sia ben chiaro che nessuna legge elettorale è perfetta, però quella attuale è certamente da eliminare.

 

Il primo risultato importante sarebbe quello di cancellare "partitucoli" composti da poche persone di scarsa o nulla preparazione politica ed economica che hanno affollato il 25 settembre.

 

Sarei felice di una chiara presa di posizione di chi mi legge, cioè non fatta di faccine varie o simili effimere frasette.

 
Di Gennaro Aprea (del 30/08/2022 @ 11:21:41, in F) Questa è l'Italia, cliccato 47 volte)

I POLITICI ITALIANI

 

Da ieri 14 agosto sappiamo che per le elezioni sono stati depositati 101 emblemi ma i candidati sono 98, cioè 3 si presentano in due partiti.

Non ricordo che nelle passate elezioni in Italia si siano presentati tanti candidati Presidente del Consiglio, né che in altri Paesi europei ed extra europei via sia mai stato questo affollamento.

Quando ho iniziato a votare, se non sbaglio, i candidati erano non più di una quindicina ed  i  meno importanti erano presi in giro perché giudicati fuori di testa.

In conclusione ho la netta impressone che siamo tutti ammattiti.

In questi giorni spesso si parla dei più importanti candidati Primi Ministri per il seguito che hanno nelle previsioni delle votazioni presentate dai vari specialisti0: Giorgia Meloni del partito Fratelli d'Italia ed Enrico Letta del Partito Democratico.

Per essere Presidente del Consiglio, secondo la mia modesta opinione, occorre avere una preparazione culturale, politica, esperienza, ed un'apertura mentale che pochi posseggono.

GIORGIA MELONI

Nascita 1977, 45 anni.

Diploma di maturità linguistica (inglese e francese).

Prima di entrare in politica ha fatto la baby sitter, ambulante a Porta Portese (famoso mercato romano) barman al Piper.

Nel 1992 fa già parte dei giovani del Movimento Social e Italiano, il partito creato dagli ex fascisti italiani.

E' eletta deputata e a 29 anni è Vice Presidente della Camera dei Deputati. Dopo 2 anni è Ministra della Gioventù.

Più tardi, dopo la crisi del MSI, è co-fondatrice del partito di destra Fratelli d'Italia di cui diventa ed è tuttora Presidente. 

 

ENRICO LETTA

Nascita 1966, 56 anni.

1994 laurea in Scienze Politiche Internazionali  - Università di Pisa

1994-2015 - Deputato - Ministro Industria, Commercio Agricoltura - Deputato europeo sui problemi economici e monetari

1997 dottorato in Diritto Internazionale Scuola Superiore S. Anna di Pisa - poi docente di Storia dell'UE presso la stessa Scuola

2004-2005 - Docente Haute Ecole de Commerce Parigi

2015/21 Docente affari europei Università Scienze politiche (science Po) Parigi

2013-14, 10 mesi Presidente del Consiglio dei Ministri

Dal 2021 Segretario nazionale del PD

14 pubblicazioni

Lascio ai lettori il giudizio sulla idoneità dei 2 candidati a fare il Presidente del Consiglio dei Ministri se il loro partito vincesse le elezioni. Io non ho dubbi: indovinate per chi voterò. Anche se il programma del PD lascia non poco a desiderare perché prevede cose per cui non ci sono finanze e sono troppo lontane nel tempo. E poi vi sono dubbi sui candidati in Parlamento.

Per gli altri 96 candidati potete sbizzarrirvi a scegliere leggendo i CV e il programma di ciascuno cioè quello che più vi piace e che stimate, anche solo per simpatie politiche.

Rodano, 15 agosto 2022

 
Di Gennaro Aprea (del 25/07/2022 @ 10:08:12, in C) Commenti e varie, cliccato 59 volte)

PICCOLO E INSIGNIFICANTE RICORDO DI SCALFARI

Oso anch'io, da vecchio (91) ammiratore di questa grandissima colonna del giornalismo italiano,  un ricordo di lui.

 

La mia famiglia abitava ad Avenza, frazione di Carrara perché mio padre era direttore di uno stabilimento nella zona industriale Apuana. Frequentavo l'università a Pisa e seguivo le lezioni quindi prendevo il treno (1 ora di viaggio)

Il professore Resta di Economia ci consigliò di leggere l'Espresso, allora in formato quotidiano in bianco e nero, così cominciai a leggere regolarmente questo settimanale. Quindi Eugenio Scalfari divenne subito il mio giornalista preferito.

 

Qualche anno dopo per lavoro abitai a Fabriano e spesso andavo in treno a Roma dove un paio di volte lo incontrai  scambiando qualche parola con lui, un po'  intimidito e pieno di ammirazione. Ho continuato a seguire tutte le iniziative di Scalfari (democrazia parlamentare, divorzio, ecc. ecc.)

 

Più tardi, a fine 1975 per lavoro mi trasferii in Brasile ma, prima della mia partenza, Scalfari chiese agli amici de l'Espresso di aiutarlo con un abbonamento per due anni del nuovo quotidiano la Repubblica che vide la luce nel gennaio 1976. Mentre ero in Brasile il nuovo quotidiano arrivava all'indirizzo dell'ufficio di Milano e tutti i Soci del Club degli Amici di "la Repubblica" ricevettero una copia numerata (298) della Costituzione della Repubblica Italiana che conservo e consulto regolarmente.

Questo è tutto nel mio piccolo; e ne sono sempre fiero.

 

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 89 persone collegate

Titolo
A) Aziende, innovazione, produttività, costi, ecc. (32)
B) Belle Immagini (4)
C) Commenti e varie (143)
COMMENTI E VARIE (2)
D) Guerre (13)
E) Omografi (1)
F) Questa è l'Italia (109)
G) Ricette (8)
H) Rodano (42)
I) Sport e Calcio (16)
L) Zero-carbonio (98)
M) Satira e Umorismo (64)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

< febbraio 2023 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             

Titolo
Ti piace questo sito?

 Eccellente
 Buono
 Così e così
 No.

powered by dBlog CMS ® Open Source 

footer

 

Aggiungi Gennaro Aprea a "Preferiti"

 

HomeChi Sono | Rodano | Discussioni | Omografo? | Contatti

 

Sito ottimizzato in 800x600